Nasce a Napoli 'Funiculà', la squadra di calcio dei richiedenti asilo - DIRE.it

Campania

Nasce a Napoli ‘Funiculà’, la squadra di calcio dei richiedenti asilo

funicula_calcio_napoliROMA – Lo sport come strumento di integrazione e contrasto a ogni forma di discriminazione. A Napoli, gia’ terreno fertile per esperienze come l’Afro-Napoli United, nasce un’altra squadra di calcio formata da migranti. Questa volta si tratta dei richiedenti asilo politico accolti a Napoli grazie al progetto Sprar gestito dall’associazione Less, gia’ protagonisti del progetto sportivo e sociale “Al di la’ del mare”, nato con l’obiettivo di migliorare la qualita’ della vita e il benessere psicofisico dei migranti ospitati in citta’. L’associazione sportiva dilettantistica nonche’ squadra di calcio interetnica si chiama “Funicula’” e il suo debutto e’ avvenuto oggi domenica 20 marzo con un quadrangolare sul campo comunale della terza Municipalita’ organizzata in collaborazione con il Comitato Provinciale Napoli Aics.

LEGGI ANCHE

La squadra anti razzismo Afro Napoli United chiama Balotelli: “Vieni a giocare con noi”

Calcio. “Sacchi venga a vederci giocare”, l’invito di Afro Napoli e Optì Poba

“Volevamo dare a questi ragazzi un diritto di dignita’ ed educarli alla convivenza civile al rispetto degli altri e delle regole – dice l’allenatore nonche’ presidente dell’associazione Funicula’ Edoardo Tomei – Il calcio ci e’ sembrato la risposta, rappresentando l’elemento principe di aggregazione e socializzazione per i giovani e, in particolar modo, per i giovani migranti. L’avviamento alla pratica sportiva significa per loro impegno di ore e giorni, dando un significativo valore ai tempi di attesa del loro percorso di rifugiato”.

“Uno degli obiettivi a medio termine – prosegue il mister – e’ formare una squadra di calcio professionale che possa rappresentare i colori della solidarieta’, della convivenza e della pace nella nostra citta’. La speranza e’ anche quella di dare un’opportunita’ d’inserimento lavorativo a questi ragazzi, in quanto potrebbero trovare accesso in alcuni club sportivi”.

Fonte: Redattore sociale

20 marzo 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»