Inps, accordo su Tridico presidente. Pd all’attacco: “Nomina in cambio del salvataggio di Salvini”

C'è l'accordo su Pasquale Tridico presidente dell'Inps mentre Mauro Nori avrebbe rinunciato alla vice presidenza
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – C’è l’accordo su Pasquale Tridico presidente dell’Inps mentre Mauro Nori avrebbe rinunciato alla vice presidenza. È quanto si apprende da fonti sindacali. Il governo potrebbe procedere nelle prossime ore alla nomina del commissario dell’istituto che a questo punto potrebbe essere direttamente Tridico. Il professore di Politica economica di Roma 3 verrebbe poi confermato presidente.

Per la carica di vice presidente, invece, il governo dovrebbe presentare un emendamento al decretone all’esame del Senato.

INPS. GRIBAUDO: NO POLTRONIFICIO, TRIDICO IN CAMBIO SALVATAGGIO SALVINI

“Il governo del cambiamento ha il manuale Cencelli nel cuore. Il giorno dopo il voto in Giunta al Senato per salvare Salvini, improvvisamente sembra esserci il via libera per nominare presidente dell’Inps Pasquale Tridico, fedelissimo di Di Maio, e aggiungere un vicepresidente leghista. Il governo vuole trasformare la governance Inps nell’ennesimo poltronificio pagato dalle tasche degli italiani”. Lo dichiara Chiara Gribaudo, vice capogruppo del Pd alla Camera.

“A che serve un ‘vicepresidente con funzioni operative’- aggiunge la deputata Dem- quando c’è già un direttore generale? Si farà solo confusione, indebolendo la guida dell’Istituto e la chiarezza dell’indirizzo operativo. In bocca al lupo a Pasquale Tridico, che ha rifiutato un posto da ministro in disaccordo con il contratto di governo, e ora si presta a logiche degne della peggior Prima Repubblica”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

20 Febbraio 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»