Politica

Canguro, Gasparri: “Grasso ci ripensa? Ha capito lezione”

ROMA – “Sul presidente Grasso sembrano sortire effetto le lezioni di diritto parlamentare e costituzionale che gli ha impartito con severità in Aula il senatore Calderoli. Aveva ritenuto ammissibile il vergognoso emendamento Marcucci. Ora pare che ci ripensi. Evidentemente prende atto della realtà“. Lo dichiara il senatore Maurizio Gasparri (FI), che aggiunge: “Giusto non fare ostruzionismo. Fi infatti ha presentato un numero limitato di emendamenti. Ma non si pensi di eludere il ricorso al voto segreto esplicitamente previsto dal regolamento quando si tratta di una materia riguardante alcuni articoli della Costituzione. È vero che Zanda non vuole il voto segreto per comportarsi con metodi stalinisti nei confronti dei suoi parlamentari dissidenti, ma non possiamo accettare questo percorso”.

gasparri

Quindi, dice Gasparri, “si voti articolo per articolo, emendamento per emendamento. Soffocare il confronto su materie così delicate è inaccettabile. Grasso non può interpretare secondo le sue traballanti condotte il regolamento e principi fondamentali. Prendiamo poi atto che sulla questione dell’utero in affitto si allarga il fronte contrario. Le prese di posizione del ministro della Sanità e la coerenza di tanti esponenti anche della sinistra ci lasciano immaginare che la cancellazione delle parti riguardanti le adozioni abbia ampia possibilità di essere fatta”.

20 febbraio 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»