Reddito, Di Maio: Referendum? “Se lo promuovono Renzi e Boschi avranno fortuna”

"Con il reddito di cittadinanza si sancisce che lo Stato deve pensare prima di tutto alle persone più deboli. È un nuovo diritto per gli italiani", dice Di Maio
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “La risposta degli ex paladini dell’austerità al ritorno dello Stato sociale è un referendum per abolirlo, perché dicono che, siccome ci sarà di nuovo la recessione allora non si possono spendere soldi per i più poveri. Io non so se ci sarà la recessione, ma a maggior ragione se ci sarà rivendico la scelta di aver già destinato 11 miliardi alla protezione dei più deboli con il Reddito di Cittadinanza e Quota 100″. Lo scrive Luigi Di Maio in un post sul blog delle Stelle, ritornando sul reddito di cittadinanza, nel mirino di chi lo vuole sottoporre a referendum.

“È proprio durante le emergenze- sostiene Di Maio- che si presta soccorso per primo ai più deboli perché sono quelli che subiscono di più i danni. La logica contraria è quella della macelleria sociale che fa diventare i ricchi ancora più ricchi. E poi dove li avrebbero messi questi 11 miliardi? In bonus per i banchieri? In pedaggi più alti per i Benetton? In pensioni d’oro? In vitalizi? In regali alle lobby? Sì! Avrebbero fatto esattamente così. Per perpetuare lo Stato elitario ai danni dello Stato sociale”.

Vogliono fare un referendum? Lo facciano- è la sfida di Di Maio- Vadano avanti. Avere tra i promotori Renzi e Boschi gli porterà sicuramente fortuna“.

Il post si apre tornando sulla filosofia del provvedimento: “Con il Reddito di Cittadinanza e Quota 100- spiega Di Maio- si rifonda lo Stato Sociale. Non si tratta solo di una misura come tante altre, è un cambio totale di paradigma. Si sancisce che lo Stato deve pensare prima di tutto alle persone più deboli della sua comunità perché nessuno deve rimanere indietro. È un nuovo diritto per gli italiani. Il diritto a non essere lasciato solo. Mai. Da qui non si potrà più tornare indietro, ma – e questo è il nostro impegno – questo diritto potrà solo essere esteso, sia come platea sia come benefici”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

20 Gennaio 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»