Migranti, Radicali: “Canali legali per fermare strage”. E lanciano petizione

Per i Radicali l'unica soluzione è quella di creare canali sicuri e legali perchè chi chiede protezione possa arrivare in Europa. Mobilitazione straordinaria il 2 e 3 febbraio
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Il Mediterraneo si tinge ancora di sangue al largo della Libia confermando quanto sia drammaticamente fallimentare e disumana la scelta dell’Europa di appaltare ai libici la gestione dei flussi migratori. Quante vite bisogna ancora sacrificare prima di capire che serve un deciso cambio di strategia a livello europeo?”. Lo dichiara Silvja Manzi, segretaria di Radicali Italiani, che spiega: “La responsabilità di queste stragi non è certo di chi fa soccorso in mare, come dice Salvini, o delle città che accolgono. La causa è invece la mancanza di canali sicuri e legali di ingresso in Europa che fa proprio il gioco dei trafficanti di uomini”.

LEGGI ANCHE: Nuova strage di migranti nel Mediterraneo. Leoluca Orlando attacca Salvini: “E’ genocidio”

“Aprire corridoi ai bisognosi di protezione- aggiunge Manzi- è la soluzione al centro dell’iniziativa popolare europea ‘Welcoming Europe‘ rivolta alla Commissione europea, che in Italia abbiamo promosso come Radicali Italiani, insieme a tante organizzazioni laiche e religiose. Un’iniziativa con cui chiediamo alla Commissione europea anche di decriminalizzare l’aiuto umanitario e tutelare tutte le vittime di abusi”.

“Il traguardo delle 60mila firme da raccogliere in Italia è a portata di mano, per raggiungerlo- annuncia Manzi- abbiamo deciso di lanciare una mobilitazione straordinaria il 2 e il 3 febbraio con banchetti in tante città, ma è possibile anche firmare online, sul nostro sito“.

“Per fermare questa strage- conclude l’esponente dei Radicali- è necessario che far sentire il più possibile la nostra voce alle istituzioni europee, perché si trovi finalmente una risposta comune, legale e umana, alla questione migratoria”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

20 Gennaio 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»