AREA ABBONATI - Accedi ai notiziari

DIRE abruzzo

Terremoto, statale Gran Sasso chiusa fino a sabato

L’AQUILA – Il Prefetto dell’Aquila, Giuseppe Linardi, “preso atto del ripetuto susseguirsi di significativi eventi sismici, nonché della particolare situazione meteorologica che da giorni interessa il territorio di questa provincia; tenuto conto che il Prefetto di Teramo con proprio provvedimento”, ha sospeso temporaneamente fino all’intera giornata di sabato 21 gennaio 2017 la circolazione stradale sulla S.S. 80 nel tratto compreso tra il chilometro 60 (nel territorio del Comune di Montorio al Vomano) e sino al confine con la provincia di L’Aquilaper motivi di sicurezza pubblica ed al fine di garantire con la massima speditezza, il transito dei mezzi di soccorso diretti nei comuni montani serviti da tale arteria”.

Inoltre, “ravvisata la necessità di adottare un analogo provvedimento di temporanea sospensione della circolazione stradale sulla S.S. 80, ricadente nel territorio della provincia dell’Aquila, a completamento del dispositivo di sicurezza posto in essere dalla Prefettura di Teramo” e “sentito al riguardo il Centro Coordinamento Soccorsi – C.C.S istituito presso questa Prefettura e visto l’art. 6 del D. Lgs 30. 04. 1992, n. 285 e l’art. 2 del T.U. Leggi di Pubblica Sicurezza”, ha disposto per i motivi descritti “la sospensione temporanea della circolazione stradale sulla S.S. 80, nel tratto compreso tra il chilometro 33 (Località diga di Provvidenza – centrale Enel, nel territorio del Comune di L’Aquila) e sino al confine con la provincia di Teramo, con decorrenza immediata e fino all’intera giornata di sabato 21 gennaio 2017″.

L’ordinanza non si applica ai veicoli delle Forze di Polizia e militari, ai mezzi di servizio, di soccorso e di emergenza, ai mezzi in servizio di pulizia del manto stradale, nonché a tutti i mezzi che gestiscono servizi essenziali in ordine alla situazione di emergenza in corso.

20 gennaio 2017

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»

DIRE
facebooktwitteryoutubelinkedIn instagram

DIRE.it – Documenti Informazione REsoconti dal 1988