Aeroporto Firenze, Salvini: “Peretola non toglie nulla”

Oggi a Firenze Salvini si è detto d'accordo con il progetto per la nuova pista aeroportuale, a dispetto di quanto ne pensa il M5s
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

FIRENZE – “L’Italia ha bisogno di più porti, più aeroporti, magari coordinati l’un l’altro, e penso che l’aeroporto di Firenze non toglierebbe niente a nessuno“. Lo sottolinea intervenendo a Lady Radio Matteo Salvini. Sulla nuova pista di Peretola, aggiunge il vicepremier e ministro dell’Interno, “so che ci sono posizioni diverse ma dal mio punto di vista più si viaggia meglio è. Più sono le opportunità di lavoro, di business e gli spostamenti veloci in aereo, in macchina, in treno e in nave, meglio è”.

Il leader del Carroccio, quindi, “conferma di avere un’idea chiara in testa”, ma non entra nei dettagli perché prima vuole confrontarsi con i cittadini e il territorio. Già domani, ricorda, all’hotel Mediterraneo per la cena di Natale della Lega a Firenze, “incontrerò quasi mille persone a cena, tra cui molti imprenditori”.

NARDELLA: BENE PAROLE SALVINI MA ASPETTIAMO I FATTI

“Ho apprezzato” le parole del vicepremier e ministro dell’Interno Matteo Salvini sull’aeroporto di Firenze. “Vedremo se si passerà dalle parole ai fatti, perché la profonda differenza di vedute tra i due alleati di governo, 5 stelle e Lega”, sulla nuova pista di Peretola “è evidente”. Lo spiega il sindaco Dario Nardella, a margine del Consiglio metropolitano. Un frattura doppia, aggiunge il primo cittadino, perché interna anche al Carroccio: in Toscana, infatti, “dentro la Lega ci sono due visioni differenti sullo sviluppo dello scalo”.

LEGGI ANCHE: VIDEO | Aeroporto Firenze, test a Quaracchi: “Non c’è scampo ai decibel”

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

19 Dicembre 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»