Donne: stupro, violenza, denunce…le voci raccolte dai cronisti in erba

Sono i giovani studenti del Liceo Giordano Bruno di Roma che hanno concluso il loro percorso di alternanza scuola-lavoro con la Dire, realizzando un proprio videoservizio

ROMA – Hanno chiesto ai passanti cosa ne pensassero del recente caso giudiziario che si è concluso con l’assoluzione di un uomo, in Irlanda, dall’accusa di stupro perchè la donna indossava un tanga. 

Sono i giovani studenti del Liceo Giordano Bruno di Roma che hanno concluso il loro percorso di alternanza scuola-lavoro con la Dire, realizzando un proprio videoservizio. Cronisti per un giorno hanno chiesto commenti sulla sentenza dello stupro di Cork e in generale sul fenomeno della violenza di genere.    

Abbigliamento femminile, provocazione e stupro è un tema che tiene banco da tempo. C’è chi lo rifiuta, chi lo contesta, chi, intervistato, ha espresso stupore per la sentenza. Chi ha invitato le donne a denunciare al primo gesto di violenza. Ma c’è anche chi fa fatica a credere a uno stupro. Chi invita le donne a non provocare, perchè “la natura dell’uomo….si sa”.

Guarda anche:

19 Dicembre 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»