La sera della Vigilia l'appuntamento è con "Una poltrona per due"..da 20 anni - DIRE.it

Articoli

La sera della Vigilia l’appuntamento è con “Una poltrona per due”..da 20 anni

ROMA – Non c’è Natale senza ‘Una poltrona per due’. Che non è un film di Natale. C’è un paradosso dietro il successo che dura da venti anni del film portato al successo da Dan Aykroyd ed Eddie Murphy. Il 24 dicembre, anche quest’anno, il film cult di John Landis sarà trasmesso da Italia 1, in prima serata, come ormai avviene da 20 anni (la prima volta nel 1997), la sera della Vigilia. A confermare il successo della commedia statunitense il dato auditel dello scorso anno: 2.169.000 spettatori, 12,3% di share.

Leggi anche Da Star Wars a Harry Potter: ecco i 10 film da vedere a Natale perché fanno bene

E non è neanche un film di Natale. Almeno non nel senso più tradizionale del termine. Racconta, infatti, la storia dei fratelli Mortimer e Randolph Duke e della loro intenzione di sconvolgere la vita di due persone che mai prima di quel momento si erano incrociate o anche solo sfiorate: il ricco agente di cambio Louis Winthorpe III e lo straccione Billie Ray Valentine, rispettivamente Dan Aykroyd ed Eddie Murphy. Scambieranno le due vite con uno stratagemma, scommettendo un dollaro.

Leggi anche I regali di Natale? Il 15% degli italiani li fa all’ultimo minuto

‘Una poltrona per due’ ormai è come il panettone e il torrone, la tombola e le bucce d’arancia fatte a pezzettini per coprire i numeri. Un’attesa che, ebbene sì, moltissimi hanno cerchiato in rosso sul calendario. La conferma dai social. Come scrive Michele su Facebook: “É una serata impegnativa che richiede 365 giorni di preparazione. L’ansia inizia a salire due mesi prima, hai già disdetto 230 cene, 150 partite a carte, 50 tombolate, una copulazione assicurata”. Insomma “tutto è pronto, l’attesa termina, incombe il silenzio… un’emozione ti assale”.


19 dicembre 2017
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»