Rifiuti, Salvini: “Termovalorizzatori oggi sicuri. Con Di Maio troveremo intesa”

Oggi il premier Giuseppe Conte sarà a Caserta con sette ministri per firmare il 'Piano d’azione per il contrasto dei roghi di rifiuti' nella Terra dei Fuochi

Condividi l’articolo:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Oggi c’è un sistema di termovalorizzatori sicuri. Con Di Maio troveremo un’intesa per il bene del Paese”. Così il vicepremier Matteo Salvini in visita a Vivite, il festival del vino cooperativo, che si è svolto ieri a Milano.

Leggi anche: Rifiuti, Conte: “Mai più Terra dei Fuochi, lo Stato c’è”

“E’ chiaro che in prospettiva bisogna differenziare però i termovalorizzatori di oggi non sono quelli di tanti anni fa. Le esperienze sia italiane che europee ci dicono che su tanti di questi termovalorizzatori i bambini ci vanno a giocare, ci sono parchi giochi, piste da sci, musei, mostre: la tecnologia e i controlli hanno fatto sparire i dubbi del passato. Chiaro che l’obiettivo è bruciare sempre meno- sottolinea Salvini- andare meno in discarica e differenziare sempre di più. Intanto, siccome siamo al governo per risolvere i problemi e a Napoli e in Campania pagano la tassa rifiuti come in tutta Italia, è giusto dare a loro le stesse possibilità, che hanno tutte le altre regioni italiane”.

Non c’e’ bisogno di creare tensioni nel governo: “Abbiamo Sergio Costa che rappresenta la perfetta sintesi per quello che dobbiamo fare nel governo sui rifiuti, sull’ambiente e sulla Campania”. Dice il vicepremier Luigi Di Maio in un’intervista al Corriere della sera a proposito dei rapporti, da ultimo piuttosto burrascosi, con Salvini. “Evitiamo di rovinarci le giornate cosi’, perche’ quando lavoriamo insieme, lavoriamo bene”, aggiunge Di Maio.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

19 Novembre 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»