Una grande soprintendenza culturale per Roma, ecco la proposta di Walter Tocci - DIRE.it

Lazio

Una grande soprintendenza culturale per Roma, ecco la proposta di Walter Tocci


ROMA – Lunedì 20 novembre, alle 12, verrà presentata a Palazzo Madama, presso la sala Caduti di Nassirya, la proposta di legge sulla cosiddetta Soprintendenza generale di Roma. L’iniziativa è del senatore Walter Tocci, il quale illustrerà il testo, indicando le ragioni politiche che lo hanno spinto a lavorare sul tema.

La Soprintendenza archeologica di Roma era una delle migliori istituzioni culturali dello Stato italiano– ha spiegato Tocci- e si prendeva cura dei beni con metodo integrale. Dopo il decreto del gennaio 2017 del ministero dei Beni culturali, questo modello risulta definitivamente frantumato”.

La proposta di legge, ha spiegato una nota, prevede una Grande Soprintendenza per integrare tutte le competenze della gestione e della tutela sull’ampia scala territoriale del comune di Roma e potrebbe costituire l’esempio pilota di un radicale ripensamento dell’organizzazione ministeriale dei beni culturali. Potrebbe rappresentare la maggiore espressione dell’autonomia e del prestigio di un rinnovato corpo professionale.

Nell’idea di Tocci il ministero sarebbe chiamato a occuparsi soprattutto della strategia nazionale, nonché di quella internazionale. Da questo punto di vista, viene riportato alla luce il testamento politico di Giulio Carlo Argan, il quale sosteneva la necessità di ribaltare il modello ministeriale, ipotizzando una struttura tecnica e scientifica pienamente sovrana nella cura del patrimonio.

19 novembre 2017
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»