Una nuova app per muoversi su treni e autobus - DIRE.it

Toscana

Una nuova app per muoversi su treni e autobus

Più intuitiva, più precisa. E che per la prima volta attinge contemporaneamente dalle banche dati sia delle aziende di trasporto su ferro che su gomma. È l’app “Muoversi in Toscana”, il cui aggiornamento è stato presentato oggi dall’assessore regionale ai Trasporti, Vincenzo Ceccarelli.

“Sappiamo- ha spiegato- che il miglioramento della qualità dei servizi per gli utenti del trasporto pubceccarelli toscanablico passa attraverso il rinnovamento dei mezzi e l’incremento della puntualità, ma passa anche attraverso un’informazione corretta e tempestiva. Già dallo scorso anno abbiamo fornito agli utenti una prima versione di questa app, uno strumento gratuito per avere informazioni in tempo reale sull’andamento del trasporto pubblico in Toscana. Contemporaneamente sono stati attivati il portale ‘Muoversi in Toscana’, che raccoglie tutte le informazioni sul trasporto su gomma e rotaia e una stanza della partecipazione dove i cittadini possono essere interattivi e segnalare situazioni critiche e proporre idee e soluzioni, certi che le loro voci saranno ascoltate dagli uffici regionali”.

La nuova app caratterizzata da un logo rosso e bianco che evoca la grafica del portale regionale della mobilità ‘Muoversi in Toscana’, utilizza le informazioni contenute nei database per aiutare l’utente a pianificare il suo viaggio, per dagli in tempo reale la posizione dei mezzi pubblici che sta aspettando, per informarlo su disagi, cambi di programma o altri imprevisti che possano riguardare le tratte di suo interesse. Per i treni e gli autobus fiorentini (per adesso solo a Firenze i bus pubblici sono dotati di sistema di localizzazione satellitare) l’utente avrà un quadro costantemente aggiornato e potrà seguire la marcia reale del mezzo di trasporto a cui è interessato, non gli orari programmati.

19 novembre 2015
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»