Roma, auto dei Vigili in sosta nel parcheggio per disabili

ROMA – “Non posso parcheggiare con mia zia invalida in carrozzina perché loro occupano il posto invalidi”. Quando un posto auto riservato ai disabili viene occupato da chi non ne ha alcun diritto, lo sdegno è forte. Se poi, come successo all’anonima utente di ‘Fotografa l’impostore’, gruppo di Facebook, la macchina appartiene a rappresentanti del corpo dei Vigili urbani, lo sdegno si tramuta in rabbia. Il fatto risale a ieri.

La persona che ha segnalato il fatto via web si trovava in via Umberto Fracchia, nel III Municipio, a Roma, con la zia disabile. Avrebbe voluto parcheggiare nel posto riservato ai disabili: lo ha trovato occupato da una macchina della Polizia di Roma Capitale per cui ha dovuto desistere. I commenti al ‘post’ nel gruppo ovviamente sono stati di condanna anche se non si è puntato il dito contro le forze dell’ordine ma solo contro l’autore del gesto. “Che l’agente che ha sbagliato sia punito- scrive uno degli iscritti al gruppo- ma che non siano sputtanati e spregiati gli altri 60.000 agenti ed ufficiali d’Italia”. E ancora: “Fare il vigile nella Capitale è un’impresa da eroi” e “abbiamo il massimo rispetto per tutte le forze dell’ordine e anche per i vigili urbani”, replica un altro che scrive anche di “una mela marcia che si può trovare ovunque in qualsiasi corpo”. Lo stesso, quindi, osserva: se si trattava non “di situazione di emergenza ma di consegna di atti d’ufficio, forse potevano parcheggiare in doppia fila o in una zona più lontana dal punto di consegna dell’atto”.

‘Fotografa l’impostore’ è un gruppo nato su Facebook poco più di un anno fa (4 novembre del 2014) e ha l’obiettivo di fotografare “le automobili prive di contrassegno per disabili” parcheggiate “dove non devono”. In tutto sono 3.611 gli utenti iscritti e ben 3.894 le foto di denuncia.

di Adriano Gasperetti – Giornalista professionista

19 Nov 2015
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»