Tensioni nel Governo su ‘manina’; Ischia, condono edilizio in forse; Papa francesco: ipocrisia intollerabile

TENSIONI NEL GOVERNO, ORA IL CDM DELLA VERITA’

La contestata norma sul condono, inserita all’insaputa dei Cinque Stelle, non produrra’ danni irreparabili nei rapporti tra Lega e Cinque Stelle. Lo assicurano i protagonisti che si preparano al consiglio dei ministri decisivo. “Mica si vuole far cadere il governo sul condono a chi fa riciclaggio di denaro?” dice il vicepremier Luigi Di Maio. La Lega smentisce che i Cinque stelle non sapessero della norma. Ma Salvini lavora per ricucire. “Voglio andare avanti- assicura- ma basta scherzetti e non fatemi passare per scemo. Non sono io l’amico dei condonisti”, dice il leader leghista.

ISCHIA, IL CONDONO EDILIZIO TORNA IN FORSE

Si dice a disagio il ministro dell’Ambiente Sergio Costa a proposito del condono edilizio per Ischia. La sanatoria per l’isola e’ prevista nel Capo III del decreto legge per Genova. “Ho espresso il mio disaccordo, poi decidera’ il parlamento”, dice Costa, che trova un alleato nel leader della Lega Matteo Salvini. “A me i condoni non piacciono. E neppure quello per Ischia”, dice infatti il leghista minacciando di riscrivere la norma nel cdm sul dl fiscale.

MANOVRA, CONTO ALLA ROVESCIA SU RISPOSTA ITALIANA

Conto alla rovescia in Europa per la manovra economica italiana. Dopo la lettera della commissione in cui si segnalavano deviazioni senza precedenti, il commissario agli affari economici Pierre Moscovici avverte che e’ attesa una risposta da parte del governo italiano entro lunedi’ a mezzogiorno. “L’Italia e’ trattata come tutti gli Stati membri, non ci sono giochi politici, discriminazioni o pensieri reconditi”, assicura Moscovici.

PAPA FRANCESCO: L’IPOCRISIA E’ INTOLLERABILE

“Gesù non tollera l’ipocrisia”. Il Papa, nell’omelia della Messa celebrata a Santa Marta, invita i cristiani a rifiutare l’egoisimo. Il Pontefice ha parlato di chi e’ bello fuori, anche dal punto di vista dell’educazione, ma dentro porta le macerie, la distruzione, e’ concentrato su di se’. A questo lievito che fa crescere verso l’interno, il cristiano deve contrapporre un altro lievito, quello dello Spirito Santo, della gioia e dell’apertura agli altri.
19 ottobre 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»