Salvini: “Domani a Roma per risolvere problemi, basta litigi”

ROMA – “Buona giornata Amici. Dopo le nuvole torna sempre il sereno! Chi si arrende ha già perso, mai mollare”. Lo scrive questa mattina su facebook, prima delle 9, Matteo Salvini, vicepremier e ministro dell’Interno, postando la foto del sole che sorge dietro le montagne. Si trova infatti in Trentino per la campagna elettorale per le provinciale del 21 ottobre.

“Basta litigi”

Un paio d’ore dopo, poi, arriva l’annuncio che domani sarà a Roma per partecipare al Consiglio dei ministri convocato dal premier Giuseppe Conte per fare chiarezza sul decreto fiscale. “Oggi sono in Trentino ma domani volo a Roma per risolvere i problemi. Basta litigi”, dice il vicepremier e ministro dell’Interno. Nel tardo pomeriggio di ieri, invece, Salvini aveva sbottato facendo intendere che non voleva tornare a discutere del decreto fiscale, provocando così la reazione del premier Conte: “Il consiglio dei ministri si svolgerà perchè a convocarlo sono io. Non so se Salvini farà in tempo a rientrare ma  il consiglio dei ministri ci sarà. Il presidente del consiglio sono io”.

“Restare compatti, avvoltoi volano su Italia”

“Dobbiamo restare “compatti perchè all’esterno ci sono avvoltoi che volano sull’Italia per portarci via le aziende sane rimaste”. Lo dice Matteo Salvini a Cles in Trentino.

Oggi, aggiunge Salvini rivolto a chi lo ascolta, “tornate a casa e guardate il tg, se avete tempo da perdere, e lo spread, la speculazione, le agenzie di rating, la commissione Ue, la Bce, il Fondo monetario internazionale… Dobbiamo resistere, sono pronti entraci in casa in nome dello spread. Bisogna tenere duro come hanno tenuto duro i nostri genitori e i nostri nonni”.

Leggi anche:

Manovra, Ue a Governo: “Deviazione senza precedenti”

Il premier Conte e “una birra in compagnia” a Bruxelles

Decreto fiscale, Conte: “Cdm ci sarà sabato anche senza Salvini, premier sono io”

Leggi anche:

19 Ottobre 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»