Toninelli: “Limitare traffico su Strada Parchi, non è sicura”

ROMA – La Strada dei parchi non ha sufficienti standard di sicurezza. Perchè la manutenzione manca dal 2013. Lo ha scoperto una verifica straordinaria che è stata disposta dal ministro dei Trasporti Danilo Toninelli al termine della quale, ieri, è arrivata la richiesta, da parte del ministero, di limitare il traffico dei veicoli pesanti.

“Abbiamo fatto ispezioni straordinarie”

A spiegare come sono andate le cose è stato, nel tardo pomeriggio di ieri, lo stesso ministro Toninelli su Facebook. “Dal giorno del mio insediamento siamo incessantemente al lavoro per risolvere le criticità che abbiamo ereditato. Sono molto preoccupato per la condizione delle autostrade A24-A25. Ecco perché il ministero ha effettuato un ciclo di ispezioni straordinarie, ha chiesto al concessionario, unico responsabile della sicurezza delle tratte, di prendere gli opportuni provvedimenti per limitare il traffico e, soprattutto, ha stanziato subito 192 milioni immediatamente utilizzabili per far partire i lavori. Prima di tutto viene la tutela di chi viaggia“. Lo scrive su facebook il ministro dei Trasporti Danilo Toninelli.

“Subito 192 milioni per far partire i lavori”

“Quello della questione relativa alla concessione A24-A25 – ha detto Toninelli in Auòa- è uno dei peggiori dossier ricevuti dai cosiddetti esperti della politica. La società Strada dei Parchi non sottoscrive un nuovo piano economico dal 2013. Io mi sono insediato il 2 giugno 2018. Fate il calcolo e vedete chi c’era prima. Quelli bravi – ha aggiunto – non hanno dato risposte sulla situazione ai cittadini né sulle tariffe oggettivamente insostenibili né sul grave degrado delle opere. Non hanno fatto niente se non andare avanti per 5 anni senza rinnovare la concessione e dunque permettere gli interventi di sicurezza in favore degli utenti. E’ per questo – ha detto ancora – che ho disposto una verifica straordinaria da parte dell’ufficio territoriale competente che ha concluso: ‘il decadimento manutentivo riscontrato è tale da non poter dimostrare il raggiungimento di adeguati standard di sicurezza con il regolare transito di circolazione’. Chi lo ha scoperto questo? Quelli bravi di prima o il nuovo Governo? Il ministero torna a fare il ministero e lo Stato a fare lo Stato. Diciamo al concessionario che deve mettere in sicurezza l’infrastruttura. Quello che non ha mai fatto prima”.

Leggi anche: 

Mit: “Limitare traffico pesante su viadotti A24-A25”

Ti potrebbe interessare anche:

19 ottobre 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»