San Marino, via al maxi processo sul Conto Mazzini - DIRE.it

San Marino

San Marino, via al maxi processo sul Conto Mazzini

SAN MARINO – Claudio Podeschi entra nel Kursaal a testa alta, mentre una nebbia fitta avvolge la cima del monte Titano. A meno di 500 metri di distanza in linea d’aria, Gabriele Gatti sta passando il suo terzo giorno al Capuccini, il piccolo carcere sammarinese e anche a lui sembra destinato il decorso vissuto dall’ex collega di partito e l’avvio di una lunga parentesi giudiziaria.

kursaal

Podeschi, da sabato uomo libero, non più ai domiciliari, è l’unico degli imputati eccellenti presenti alla prima udienza del maxi processo sul Conto Mazzini, l’inchiesta ormai nota come la tangentopoli sammarinese. Pesano le assenze degli altri imputati “big” della politica, quella di Fiorenzo Stolfi, ma anche di chi ha avuto trascorsi importanti nelle segreterie di Stato e dei partiti: Stefano Macina, Claudio Felici, Gian Marco Marcucci, Giovanni Lonfernini, Pier Marino Mularoni e Pier Marino Menicucci.

podeschi

La sala abituata ai defilé congressuali è trasformata oggi in aula di tribunale, per metà è occupata dagli staff degli avvocati, il resto da giornalisti dei media locali, qualche curioso e volti delle basi dei partiti. Tre consiglieri sono al lavoro, nelle vesti di difensori, Rossano Fabbri, Ps, Enrico Carattoni e Andrea Belluzzi, Psd, uno solo, Luca Santolini di C10, siede nell’altra parte della platea. A presiedere la giornata è il giudice Gilberto Felici, commissario della legge giudicante, che alle 9.52 apre i lavori: dopo una pausa-pranzo alle 13.30, proseguiranno anche nel pomeriggio dalle 15 alle 19,30.

Oltre a Podeschi sono presenti cinque dei 21 imputati in qualità di persone giuridiche: la compagna Biljiana Baruca, Mirella Frisoni, Pietro Silva e Stefano Lenzi. Dopo l’elenco dei presenti-assenti, il giudice Felici annuncia le richieste di costituzione di parte civile: oltre a quelle formalizzate dell’Eccellentissima Camera, si aggiungono oggi quelle del Pdcs, primo partito di maggioranza, e di Banca centrale della Repubblica di San Marino. In mattinata quindi inizia il dibattito sugli atti depositati da Stato, Pdcs e Bcsm, su cui il giudice dovrebbe esprimersi entro la giornata.

di Cristina Rossi – Giornalista professionista

19 ottobre 2015
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»