Vaccini, domenica i no vax in corteo a Bologna: “Esclusioni inaccettabili”

BOLOGNA – I no vax scendono in piazza a Bologna: per domenica prossima, 23 settembre, è stata indetta una manifestazione che prevede un corteo da piazza XX settembre che proverà a farsi ‘sentire’ con tamburi, fischietti, megafoni sfilando lungo via Indipendenza fino a piazza Nettuno, dove è previsto un presidio con interventi in pubblico. Con un comunicato apparso anche sul proprio profilo Facebook, la sigla ‘Lov‘, Liberi dall’obbligo vaccinale, aderisce “sia per dare un segnale del nostro esserci sia perché ci è stata data la garanzia che non sarà a scopo politico”, come spiega la presidente Ana Diana Demian.

Concluso il presidio ci sarà un ‘corteo di ritorno’ sotto forma di fiaccolata e il termine della manifestazione è fissato verso le 19. Ai partecipanti viene chiesto di arrivare già muniti di candela e bicchiere ‘salvacera’. “Il colore della manifestazione è libero, si possono anche riutilizzare le magliette di manifestazioni precedenti”. Le parole d’ordine della manifestazione chiamano in piazza “a favore della libertà di scelta vaccinale e in ambito sanitario”, per il “riconoscimento e sostegno dello Stato verso i danneggiati da vaccino e contro le inaccettabili esclusioni scolastiche dei bambini dai nidi e dalle materne”. Aggiungendo, ancora sul volantino dell’iniziativa: “Non indietreggiamo di un passo. La scienza è ricerca, la scienza è dubbio, la scienza non ha un pensiero unico”. Sulla pagina web della manifestazione c’è un lungo elenco di gruppi aderenti, molti dei quali dalla Romagna, ma appoggi arrivano anche da Toscana, Veneto, Lombardia e Liguria.

Leggi anche:

19 settembre 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»