Black out alla stazione Termini, in migliaia sulle banchine - DIRE.it

Lazio

Black out alla stazione Termini, in migliaia sulle banchine

ROMA –  Black out alla stazione Termini di Roma.

La circolazione ferroviaria nel nodo di Roma e’ fortemente rallentata dalle 19:10 circa per un guasto tecnico al sistema di alimentazione elettrica del Posto Centrale di Roma Termini.

A bloccare tutto e’ stato un cortocircuito in una sala di servizio che alimenta la corrente della cabina di controllo della stazione. E senza l’elettricita’ si sono attivati i circuiti di sicurezza, con tutti i segnali di avvio che sono andati in rosso. Sul posto sono intervenuti i Vigili del fuoco, ma la situazione e’ sempre stata sotto controllo. Solo fumo, e nessun ferito. Migliaia, pero’, i passeggeri sulle banchine.

“Per un guasto tecnico nella stazione di Roma Termini- ha fatto sapere Trenitalia sul proprio sito- il traffico ferroviario nel Nodo di Roma e’ sospeso dalle 19.10. In corso la riprogrammazione dell’offerta commerciale con ritardi, cancellazioni e limitazioni di percorso. Sul posto sono presenti le squadre tecniche di Rfi”.

La disalimentazione elettrica dei sistemi tecnologici – si legge in una nota Fs – interessa il traffico ferroviario in arrivo e partenza da Roma Termini e da tutte le altre stazioni del nodo di Roma. Al momento, la circolazione dei treni e’ fortemente rallentata anche in direzione Firenze e Napoli, sulle linee convenzionali e alta velocita’. I tecnici di Rfi sono al lavoro per ripristinare l’anomalia e riattivare tutte le funzioni di sicurezza per la gestione e il controllo del traffico ferroviario.

DELRIO IN CONTATTO CON LE FS

Il ministro delle Infrastrutture e Trasporti, Graziano Delrio, e’ in contatto con le Fs in occasione del blackout che sta colpendo la stazione Termini di Roma. Lo fa sapere una nota spiegando che il problema “e’ in via di soluzione”.

19 maggio 2017
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»