Sanità

Osa a Mesagne apre le porte a la raccolta sangue della Fides

ROMA – “E’ andata bene. La cooperativa Osa ci ha detto subito di si’ e, realizzando la raccolta nella loro struttura, abbiamo potuto dare visibilita’ anche al lavoro che svolgono con gli anziani. Anche alcuni operatori della residenza Casa Melissa sono diventati donatori”.

Inizia cosi’ il racconto, all’agenzia Dire, del presidente della Fides-Federazione italiana associazioni donatori sangue di Mesagne, Giuseppe Mitrugno, che ha commentato la raccolta organizzata dalla sezione locale, organizzata presso la Residenza gestita dalla cooperativa Osa per l’indisponibilita’ dei locali dell’ospedale, al momento in ristrutturazione.

Sono state raccolte 27 sacche e ci sono stati 7 donatori nuovi rispetto agli abituali. Proseguiranno ora le donazioni estive: orari serali e, sempre con l’autoemoteca, in attesa che, in autunno, siano pronti i nuovi locali. Mitrugno ha spiegato che “sarebbe giusto avere, nel momento della donazione, medici che vengano dal Servizio trasfusionale e che sappiano dare ai donatori che pongono domande e hanno dubbi, tutte le risposte. I volontari- ha concluso- ci mettono comunque tutto l’impegno”.

19 maggio 2017
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»