Zuma (Ua): "Cooperare con l'Africa è facile" - DIRE.it

Mondo

Zuma (Ua): “Cooperare con l’Africa è facile”

zumaROMA – Gli errori dell’Italia in Africa sono parte del passato: il presente dei rapporti oggi si basa sulla cooperazione. A parlare e’ Dlamini Zuma, presidente della Commissione dell’Unione Africana, oggi a Roma per la conferenza Italia-Africa organizzata dal nostro ministero degli Affari esteri per ragionare sui tanti canali di collaborazione con quel continente. “E’ facile oggi cooperare con l’Africa. Perche’ e’ un continente attraente, che offre tante opportunita’ di investimento in vari settori: infrastrutture, energia, agroalimentare, trasporti, tecnologie e comunicazione, e nello sviluppo del settore manufatturiero”. Non ultimo e’ l’investimento in capitale umano: “ci sono tantissimi giovani che possono essere formati e ridurre la disoccupazione”. L’Italia, per il suo modello industriale e culturale, “e’ quasi un caso unico” ma ora “basta parole, e’ tempo di agire: dobbiamo cooperare insieme”. Non solo economicamente, ma anche “in pace e sicurezza” che per l’ex ministro della Salute del governo Mandela, sono strettamente collegate allo sviluppo sociale. La minaccia principale e’ rappresentata da terrorismo, “che non e’ una sfida africana ma globale” e reclama interventi di cooperazione al pari degli altri settori. Arriva poi il tema dell’immigrazione: “abbiamo avviato un dialogo con l’Unione Europea e se mai sara’ raggiunto un accordo, sara’ sulla base di quello di cui abbiamo discusso e non sulla falsa riga dell’accordo tra Bruxelles e la Turchia. Presentiamo caratteristiche molto diverse”. Infine, la questione dell’empowerment femminile, che “rientra anche nell’Agenda 2063 – gli obiettivi di Sviluppo che l’Ua si e’ data nel 2013 per i prossimi 50 anni – che mette al centro l’impulso alla scolarizzazione femminile , all’inserimento delle donne nel mondo del lavoro e in ruoli di leadership, in politica come in qualsiasi altro ambito, contrastando i matrimoni precoci”.

19 maggio 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»