Fondazione Carisbo, Prodi lascia: “Dannosa la rottura con l’Ateneo”

Romano Prodi

BOLOGNA – La bocciatura a sorpresa della candidatura del rettore Francesco Ubertini all’assemblea dei soci della Fondazione Carisbo rischia di provocare un vero e proprio terremoto a Palazzo Saraceni. A dare la prima scossa è l’ex premier Romano Prodi, presidente della Fondazione per la collaborazione tra i popoli, che oggi si dimette da socio assieme a Gianni Lorenzoni, professore emerito di economia all’Alma Mater. “In occasione dei recenti eventi avvenuti nella vita della Fondazione, riteniamo doveroso e utile rassegnare le nostre dimissioni da soci della fondazione stessa“, scrivono Prodi e Lorenzoni in una lettera indirizzata “con amicizia” al presidente dell’ente di via Farini, Leone Sibani.

“Doveroso perché la rottura nei confronti dell’Università appare dannosa e ingiustificata per i fini della fondazione”, spiegano prendendo le distanze da quanto avvenuto ieri in assemblea. Il loro addio all’assise della fondazione, aggiungono Prodi e Lorenzoni, sarà comunque “utile, perché servirà a rinnovare il corpo dei soci che, pur in presenza di profili di grande valore, si è eccessivamente appesantito e cristallizzato negli ultimi anni“. Insomma, una spinta verso un rinnovamento che forse è stato tradito dal voto di ieri. La bocciatura di Ubertini, del resto, era inattesa: in 45 avevano formato per la candidatura del magnifico, al quale, tuttavia, alla fine sono mancati 17 voti, non consentendogli di raggiungere consensi sufficienti per l’elezione nell’assemblea dei soci. Oggi Prodi e Lorenzoni con le loro dimissioni lasciano due posti vacanti. Un segnale chiaro all’establishment di via Farini.

di Vania Vorcelli, giornalista professionista

19 aprile 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»