Gdf, commercialisti e avvocati spiegano tutto ai cittadini - DIRE.it

San Marino

Gdf, commercialisti e avvocati spiegano tutto ai cittadini

Gdf

SAN MARINO – I professionisti sammarinesi si attrezzano per sostenere i cittadini tirati in ballo dall’indagine Torre d’Avorio“. L’Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili, unitamente alla Fondazione dei commercialisti e con il coinvolgimento dell’Ordine degli avvocati e notari di San Marino organizzano infatti l’evento formativo “Adempimenti in materia di riciclaggio, di reato di autorificlaggio, i controlli fiscali nell’ambito dell’indagine Torre D’Avorio”.

Giovedì 21 aprile, al centro congressi Kursaal, a partire dalle 15, i professionisti sammarinesi discuteranno così della “nuova preoccupante situazione che si è creata in Repubblica- spiega una nota dell’Odcec- a seguito dell’operazione denominata ‘Torre d’Avorio’ che mette sotto la lente d’ingrandimento tutti i rapporti finanziari tra Italia e San Marino dal 2009 al 2014”. Primo obiettivo dell’iniziativa, spiegano gli organizzatori, è quello di fare chiarezza su questa nuova iniziativa dell’autorità competente italiana, in modo da poter indirizzare quanti intendano difendersi e chiarire la propria posizione rispetto al fisco italiano.

Interverranno Marco Stolfi, presidente dell’Odcec, Franco Norri, presidente della Fondazione commercialisti, Simone Menghini, presidente del’Ordine degli avvocati e notai, Maurizio Simoncini, presidente della Camera Penale, nonché i relatori Filippo Cocco e Fabrizio Dominici. Nelle intenzioni degli organizzatori infine “anche la volontà- conclude la nota- di segnalare alle istituzioni e al mondo politico del Titano l’esigenza urgente di dare un segnale forte alla controparte italiana, per affrontare la situazione con buonsenso e allentare il senso di accerchiamento che ha colpito il sistema economico sammarinese”.

19 aprile 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»