Kenya chiede all’Onu di chiudere il campo rifugiati di Dadaab

Per molti anni è stato il campo profughi più grande del mondo: venne allestito per la guerra civile somalo. Ora il Kenya teme il terrorismo e chiede di smantellarlo
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Il ministero degli Esteri del Kenya avrebbe chiesto alle Nazioni Unite di ricollocare i 200mila rifugiati del campo di Dadaab in Somalia o in Paesi terzi. La notizia è stata diffusa in esclusiva dall’emittente ‘Radio France Internationale’, che riferisce di aver avuto accesso alla lettera inviata all’Onu da Nairobi. Alla base della richiesta ci sarebbero motivi di sicurezza, in particolare si parla di terrorismo.

All’inizio di questo mese, 12 persone sono state arrestate nel campo nell’ambito dell’inchiesta sull’attacco islamista contro l’hotel Dusit di Nairobi, nel quale un mese fa erano rimaste uccise 21 persone. Aperto all’inizio degli anni ’90 alla frontiera settentrionale del Kenya per ospitare i profughi della guerra civile somala, il campo di Dadaab è stato a lungo il più grande del mondo.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

19 Febbraio 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»