David di Donatello 2019, ecco tutte le nomination

Dogman il film con più candidature, seguono Capri - Revolution e Chiamami Col tuo nome e Loro di Paolo Sorrentino. La premiazione il 27 marzo
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Sono state annunciate oggi le nomination della 64esima edizione dei Premi David di Donatello, che verranno assegnati il 27 marzo. A condurre la cerimonia, che si prospetta ricca di ospiti, ancora una volta Carlo Conti. Tra i film protagonisti della serata, ci saranno certamente “Dogman”, “Capri – Revolution” ,“Chiamami col tuo nome” e “Loro”.

Il film di Matteo Garrone è il più candidato: sarà in corsa in ben 15 categorie tra cui miglior film e migliore attore protagonista, per Marcello Fonte, che dopo la Palma d’oro a Cannes e l’ European Film Award 2018, potrebbe aggiudicarsi anche l’ambito premio nostrano.

LEGGI ANCHE RECENSIONE NO SPOILER | DOGMAN, LA SOLITUDINE DEI DEBOLI

Seguono nella lista dei più candidati “Capri-Revolution” di Mario Martone con 13 nomination e l’ormai conosciuto in tutto il mondo, dopo essersi aggiudicato 4 candidature all’Oscar e aver vinto nella categoria migliore sceneggiatura, “Chiamami col tuo nome” di Luca Guadagnino, 12 candiature ex-equo con “Loro” di Paolo Sorrentino.

LEGGI ANCHE RECENSIONE NO SPOILER |”Chiamami col tuo nome”, semplice storia di un’emozione

Sorprendono le donne, per la prima volta nella categoria Miglior regia ce ne sono due: Valeria Golino (Euforia) e Alice Rohrwacher (Lazzaro felice), mentre Valerio Mastandrea è in corsa per un ‘triplete’ come miglior attore, sceneggiatore e regista esordiente. Tra i film candidati anche la produzione Netflix “Sulla mia pelle che racconta gli ultimi giorni di vita di Stefano Cucchi.

Tra le novità di questa edizione ci sarà il David dello Spettatore “destinatoal film uscito entro il 31 dicembre che avrà totalizzato il maggior numero di spettatori e presenze calcolato entro la fine di febbraio“.

TUTTI I CANDIDATI

Miglior film

Chiamami col tuo nome

Dogman

Euforia

Lazzaro felice

Sulla mia pelle

Miglior regia

Mario Martone per Capri-Revolution

Luca Guadagnino per Chiamami col tuo nome

Matteo Garrone per Dogman

Valeria Golino per Euforia

Alice Rohrwacher per Lazzaro felice

Miglior regista esordiente – Premio Gianluigi Rondi

Luca Facchini per Fabrizio De André – Principe Libero

Simone Spada per Hotel Gagarin

Fabio e Damiano D’Innocenzo per La terra dell’abbastanza

Valerio Mastandrea per Ride

Alessio Cremonini per Sulla mia pelle

Miglior sceneggiatura originale

Matteo Garrone, Massimo Gaudioso e Ugo Chiti per Dogman

Francesca Marciano, Valia Santella, Valeria Golino per Euforia

Fabio e Damiamo D’Innocenzo per La terra dell’abbastanza

Alice Rohrwacher per Lazzaro felice

Alessio Cremonini, Lisa Nur Sultan per Sulla mia pelle

Miglior sceneggiatura non originale

James Ivory, Luca Guadagnino e Walter Fasano per Chiamami col tuo nome

Stephen Amidon, Francesca Archibugi, Francesco Piccolo, Paolo Virzì per Ella & John

Stefano Mordini, Massimiliano Catoni per Il testimone invisibile

Oscar Glioti, Valerio Mastandrea, Johnny Palomba, Zerocalcare per La profezia dell’armadillo

Nicola Guaglianone e Luca Miniero per Sono tornato

Miglior produttore

Chiamami col tuo nome

Dogman

La terra dell’abbastanza

Lazzaro felice

Sulla mia pelle

Miglior attrice protagonista

Marianna Fontana per Capri-Revolution

Pina Turco per Il vizio della speranza

Elena Sofia Ricci per Loro

Alba Rohrwacher per Troppa grazia

Anna Foglietta per Un giorno all’improvviso

Miglior attore protagonista 

Marcello Fonte per Dogman

Riccardo Scamarcio per Euforia

Luca Marinelli per Fabrizio De André -Principe Libero

Toni Servillo per Loro

Alessandro Borghi per Sulla mia pelle

Miglior attrice non protagonista

Donatella Finocchiaro per Capri-Revolution

Marina Confalone per Il vizio della speranza

Nicoletta Braschi per Lazzaro felice

Kasia Smutniak per Loro

Jasmine Trinca per Sulla mia pelle

Miglior attore non protagonista

Massimo Ghini per A casa tutti bene

Edoardo Pesce per Dogman

Valerio Mastandrea per Euforia

Ennio Fantastichini per Fabrizio De André – Principe Libero

Fabrizio Bentivoglio per Loro

Miglior autore della fotografia

Michele D’Attanasio per Capri-Revolution

Sayombhu Mukdeeprom per Chiamai col tuo nome

Nicolaj Bruel per Dogman

Paolo Carnera per La terra dell’abbastanza

Hélène Louvart per Lazzaro felice

Miglior musicista

Nicola Piovani per A casa tutti bene

Sascha Ring e Philipp Thimm per Capri-Revolution

Michele Braga per Dogman

Nicola Tescari per Euforia

Lele Marchitelli per Loro

Mokadelic per Sulla mia pelle

Miglior scenografo

Giancarlo Muselli per Capri-Revolution

Samuel Deshors per Chiamami col tuo nome

Dimitri Capuani per Dogman

Emita Frigato per Lazzaro felice

Stefania Cella per Loro

Miglior costumista

Ursula Patzak per Capri-Revolution

Giulia Piersanti per Chiamami col tuo nome

Massimo Cantini Parrini per Dogman

Loredana Buscemi per Lazzaro felice

Carlo Poggioli per Loro

Miglior truccatore

Alessandro D’Anna per Capri-Revolution

Fernanda Perez per Chiamami col tuo nome

Dalia Colli e Lorenzo Tamburini per Dogman

Maurizio Silvi per Loro

Roberto Pastore per Sulla mia pelle

Miglior acconciatore

Gaetano Panico per Capri-Revolution

Manolo Garcia per Chiamami col tuo nome

Daniela Tartari per Dogman

Aldo Signoretti per Loro

Massimo Gattabrusi per Moschettieri del re

Miglior montatore

Jacopo Quadri e Natalie Cristiani per Capri-Revolution

Walter Fasano per Chiamami col tuo nome

Marco Spoletini per Dogman

Giogiò Franchini per Euforia

Chiara Vullo per Sulla mia pelle

Miglior suono

Capri-Revolution

Chiamami col tuo nome

Dogman

Lazzaro felice

Loro

Migliori effetti visivi

Capri-Revolution

Dogman

Il ragazzo invisibile – Seconda generazione

La befana vien di notte

Loro

Michelangelo – Infinito

Miglior documentario

Arrivederci Saigon di Wilma Labate

Friedkin Uncut di Francesco Zippel

L’arte viva di Julian Schnabel di Pappi Corsicato

La strada dei Samouni di Stefano Savona

Santiago, Italia di Nanni Moretti

Miglior film straniero

Roma di Alfonso Cuaron – vincitore

Bohemian Rapsody di Dexter Fletcher e Bryan Singer

Cold War di Pawel Pawlikowski

Il filo nascosto di Paul Thomas Anderson 

Tre manifesti a Ebbing, Missouri di Martin McDonagh

Miglior cortometraggio

Vincitore: Frontiera di Alessandro Di Gregorio

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

19 Febbraio 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»