AREA ABBONATI - Accedi ai notiziari

DIRE ambiente

Inquinamento, nel 2014 un italiano su 3 si lamenta per la qualità dell’aria

inquinamento“Nel 2014 il 34,4% delle famiglie italiane segnala problemi relativi all’inquinamento dell’aria nella zona di residenza e il 18,4% lamenta la presenza di odori sgradevoli”. Lo dice l’Istat nel Rapporto ‘Noi Italia – 100 statistiche per capire il Paese’.

Nel 2014, per quanto riguarda l’inquinamento dell’aria, “è il 41,1% dalle famiglie del Nord-ovest a segnalare il problema, con un picco del 44,4% tra le famiglie che vivono in Lombardia (sebbene, per questa regione, si segnali una diminuzione di 5,7 punti percentuali rispetto al 2013). Nel Nord-est la quota scende al 31,7%; in Veneto, tuttavia, raggiunge il 35,3%, mentre la quota più bassa si osserva nella provincia autonoma di Trento (17,8%). Tra le regioni del Centro (33,7%), il Lazio mostra il valore più elevato (41,9%); Toscana, Umbria e Marche presentano percentuali inferiori alla media nazionale. Nel Mezzogiorno (30,7%) la situazione peggiore è quella della Puglia, dove il 40,6 per cento delle famiglie segnala il problema; seguono le famiglie della Campania (34,1%) e della Sicilia (31,1%). Nel resto delle regioni del Mezzogiorno si osservano valori molto più bassi, in particolare in Molise (14,9%) e in Basilicata (18,0%).

Per ciò che riguarda la percezione di odori sgradevoli, la situazione appare migliore su tutto il territorio nazionale. “Nel Nord-ovest la regione con la percentuale più alta di famiglie che segnalano questo problema è la Lombardia (22,2%); nel Nord-est è il Veneto (22,5%). Nel Centro sono le famiglie del Lazio a mostrare il valore più elevato (19,3%), mentre nel Mezzogiorno sono quelle della Calabria (22,0%), Puglia (20,6%) e Sardegna (19,0%)”.

Per quanto riguarda l’inquinamento dell’aria, la percentuale di famiglie che dichiarano la presenza di questo problema “si riduce in misura maggiore in Basilicata, Campania e Lombardia”. Quanto agli odori sgradevoli, “cala in maniera più consistente rispetto alle altre regioni la quota di famiglie della Campania che denunciano questo problema”.

19 febbraio 2015

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»

DIRE

DIRE.it – Documenti Informazione REsoconti dal 1988