Bologna, i cacciatori di bici rubate: 134 ritrovate in un anno

Si tratta di un progetto no profit "nato a Bologna per ritrovare biciclette rubate e per combattere i furti in modo pragmatico e scientifico"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BOLOGNA – A Bologna con i furti di bici non si scherza. Ma una speranza di riuscire a ritrovare il proprio mezzo c’è sempre e, anzi, questa circostanza si fa sempre più frequente. Almeno stando ai numeri che caratterizzano il progetto Bologna bike watch, pensato proprio per aiutare i ciclisti vittime dei ladri: a livello provinciale sono 134 le bici recuperate nel 2018. Un bel salto in avanti rispetto agli anni precedenti: 30 nel 2015, 51 nel 2016, 91 nel 2017.

Un altro pacchetto di bici recuperate si è aggiunto nelle prime settimane del 2019 e, ora come ora, il contatore presente sul sito di Bologna bike watch è a quota 323. Viaggia su cifre di ben altra dimensione il database con le bici rubate (ben 2.532), ma intanto non si può dire che il sistema non funzioni. Il meccanismo è semplice. Chi ha subito un furto può segnalarlo a Bologna bike watch allegando foto e dati della bicicletta, poi la palla passa alle reti di ‘osservatori’ coinvolti nel progetto: se una bici somigliante a una di quelle presenti nel database viene notata, il proprietario viene avvisato.

Si tratta di un progetto no profit “nato a Bologna per ritrovare biciclette rubate e per combattere i furti in modo pragmatico e scientifico”, spiegano i promotori sul sito: “Al cuore è il database di tutti i furti bici. L’obiettivo è di avvisare in tempo reale i proprietari quando sono viste in giro bici assomiglianti e poi anche di monitorare e analizzare i furti per migliorare la sicurezza”. Sui canali di Bologna bike watch, infatti, oltre alle foto delle bici rubate o ‘sospette’ non mancano i consigli utili su come comportarsi. Il primo è denunciare sempre la sparizione del mezzo: “L’unica modo per riavere la tua bici se ritrovata è presentare la denuncia ufficiale fatta in seguito al furto”.

Inoltre, sottolineano i promotori dell’iniziativa, “un altro aspetto molto importante” è che “le denunce rappresentano l’unica fonte che le forze dell’ordine hanno a disposizione per sapere dove avvengono i furti”.

Una serie di statistiche sulle tipologie di furto è presente anche sul sito di Bologna bike watch. Rispetto all’ultimo anno, ad esempio, la zona con più bici rubate e poi segnalate (92) risulta essere quella che comprende via Indipendenza, via Marconi e la stazione; seguono la zona universitaria e quella del Sant’Orsola (entrambe con 71 bici). In proporzione prevalgono gli orari notturni (34%), ma per Bologna bike watch questo si traduce in un avvertimento ben preciso: “Non pensate che la bici senza anti furto serio sarà meno a rischio durante il giorno. Quasi due terzi sono prese sotto il sole e da sotto i nostri nasi”.

Il 61% dei furti segnalati avviene in strada (61%), poi tocca ai cortili (18%), ai garage (8%) e alle cantine (7%): “Luoghi molto spesso visti come sicuri in realtà per le bici non lo sono- si legge sul sito- soprattutto quando in cantina, garage o cortile la bici è troppo spesso parcheggiata senza lucchetto, o con lucchetto però non legata a niente”.

Tra i dispositivi di sicurezza, la percentuale più grossa è quella relativa alla catena (52%), seguita dal cavo (18%); la voce “nessuno” pesa per il 14%, mentre con il lucchetto “U-lock” si scende al 13%. Quasi due bici rubate su tre (45%) erano legate alle rastrelliere, ma nel 24% dei casi chi ha subito il furto non aveva neanche agganciato il mezzo a qualcos’altro. E i recuperi? Le possibilità più alte di ritrovare la bici si concretizzano subito dopo il furto, mentre il tempo medio si aggira sui tre mesi.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

19 Gennaio 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»