Reggio Emilia, quella degli ‘studenti-ladri’ è “una moda dilagante”

I ladri sono spesso giovanissimi studenti incensurati, anche appartenenti a buone famiglie. Gli ultimi in ordine cronologico sono quattro 15enni reggiani traditi dalla loro poca esperienza.
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BOLOGNA – Escono di casa con la cartelle dei libri per andare a scuolama ‘marinano’ le lezioni e vanno nei negozi del centro città o dei principali centri commerciali di Reggio Emilia per dedicarsi allo “shopping”.

Entrano nei negozi armati di forbicine per staccare l’antitaccheggio dai capi d’abbigliamento che nascondo nei rispettivi zaini che hanno preventivamente svuotato dai libri lasciati negli armadietti all’esterno dei negozi. Sono i negozi alla moda del centro commerciale i “Petali” a detenere la “palma” dei più taccheggiati dagli studenti. Questi, animati dal desiderio di essere ‘trendy’ ad ogni costo, non esitano a improvvisarsi ladri saccheggiando capi d’abbigliamento. La “moda” del ladro teenager esplode a Reggo Emilia: a registrarla i carabinieri del Comando Provinciale reggiano.

I ladri sono spesso giovanissimi studenti incensurati, anche appartenenti a buone famiglie. Gli ultimi in ordine cronologico sono quattro 15enni reggiani traditi dalla loro poca esperienza. Sebbene abbiano avuto l’accortezza di staccare i dispositivi antitaccheggio, danneggiando peraltro i capi, non sono stati attenti della presenza di un ulteriore dispositivo che all’uscita da un negozio del centro si è attivato richiamando l’attenzione dei dipendenti che hanno fermato i 4 adolescenti e chiamato i carabinieri. I militari hanno preso in consegna i minori accertando che in due zaini c’erano felpe, t-shirt e pantaloni, restituiti alle attività commerciali derubate.

I 4 minori, segnalati per concorso in furto aggravato, sono stati condotti in caserma per poi essere affidati ai rispettivi genitori a dir poco sorpresi per la condotta dei loro ragazzi che credevano a scuola. Non un caso isolato, assicurano i carabinieri, ma un vero e proprio fenomeno che sta diventando una vera e propria moda tra i ragazzi in età scolare.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

19 Gennaio 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»