AREA ABBONATI - Accedi ai notiziari

DIRE Emilia-Romagna

A Bologna da febbraio addio a 4 preferenziali. Ma arrivano 6 nuovi occhi Rita e 9 Stars

Priolo e Merola

BOLOGNA – A Bologna vanno “in soffitta” quattro corsie preferenziali, a partire dal 6 febbraio. Il Comune, come spiegato oggi in conferenza stampa dal sindaco Virginio Merola e l’assessore Irene Priolo, ha deciso la revoca delle preferenziali di via Vittorio Veneto (nel tratto da via Col di lana a a via Gorizia), via Dagnini (da via degli Orti a via Ruggi), viale Masini (da via Capo di Lucca a via Matteotti) e via Saragozza (dalla porta a via Nosadella), dove la telecamera passerà da Rita a Sirio per vigilare sull’accesso alla Ztl. Dallo stesso giorno è prevista l’apertura al transito dei ciclomotori e motocicli nelle corsie riservate di via dei Mille (da via Galliera a via Indipendenza), via Farini e Santo Stefano (in direzione periferia) e via San Felice (da via Riva Reno a porta San Felice). Un altro provvedimento riguarda l’estensione dell’autorizzazione a percorrere la preferenziale di via Sant’Isaia anche alle auto dei residenti di via Frassinago, via Ca’ Selvatica e via Santa Caterina. Queste misure, insieme ad altre in via di attuazione, rispondono ad un “obiettivo preciso” dell’amministrazione, sottolinea Merola: ovvero affrontare il “tema fondamentale del tempo di vita che perdiamo per la mobilità“.

ARRIVANO 6 TELECAMERE RITA E 9 STARS

Qualche preferenziale in meno o almeno aperta alle moto, ma sei telecamere Rita e nove semafori Stars in più. E’ l’altra faccia della medaglia del pacchetto di provvedimenti annunciato oggi in conferenza stampa dal sindaco Merola, affiancato dall’assessore alla Mobilità Priolo. L’accensione dei varchi Rita (già installati da tempo) prevede tre tappe: si comincia il 6 febbraio in via Irnerio (in direzione sia centro che periferia) e in via Serlio; il 3 aprile invece toccherà alla preferenziale di via Righi e a quella di via Matteotti (direzione periferia); infine dal 5 giugno si accenderanno le telecamere che vegliano sulla corsia centrale di via Marconi (direzione piazza dei Martiri) e sul sottopasso Dozza (entrambe le direzioni).

Per quanto riguarda i dispositivi Stars, che vigilano sul mancato rispetto del rosso semaforico, dal 6 marzo il sistema entrerà in funzione agli incroci tra via Mazzini e via Laura Bassi (direzione periferia), tra via Stalingrado e via del Lavoro (direzione periferia), tra via della Repubblica e via Ruggeri (direzione viale Aldo Moro) e in piazza di porta San Mamolo (in entrambe le direzioni, sia all’intersezione con via San Mamolo che con via D’Azeglio). Dal 5 giugno, invece, si accenderanno gli Stars ai semafori degli incroci tra via Stendhal e via Lipparini (direzione periferia), tra via Pertini e via Emilia ponente (direzione Prati di Caprara), tra via Gandhi e via Marzabotto (direzione periferia), tra via Toscana e via Filippini (direzione centro) e tra via Corticella e via Calvart (direzione centro). L’obiettivo di ridurre i “tempi di vita” che i cittadini perdono nel traffico “richiede cura ma anche rispetto delle regole“, è il messaggio inviato dal sindaco Merola.

di Maurizio Papa, giornalista professionista

19 gennaio 2017

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»

DIRE
facebooktwitteryoutubelinkedIn instagram