Venezia, vigilessa aiuta donna a partorire in taxi

Il parto era ormai in corso e il tassista che aveva a bordo la donna, non sapendo che fare, ha fermato due vigili. Una di loro ha aiutato la donne a partorire
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

VENEZIA – La corsa in taxi sul ponte della libertà nel buio della sera, la chiamata al pronto soccorso, la fortuna di trovare la vigilessa giusta in Piazzale Roma e il parto sui sedili posteriori del taxi. “Sembra una di quelle cose che si vedono nei film, solo che è accaduta davvero, a Venezia”, commenta il capo della polizia locale Marco Agostini. Protagonisti della sequenza da panico, con un lieto fine, una coppia di bengalesi alla terza gravidanza, il tassista Gianluca Cosentino e la vigilessa Simona Nata Boscolo, che guidata telefonicamente dalla centrale operativa del pronto soccorso veneziano ha fatto partorire la donna.

 

“Ho ricevuto una chiamata da Mestre, sono andato a prendere due giovani che mi hanno detto di dover andare all’ospedale di Venezia”, spiega Cosentino. Poi “sul ponte la ragazza ha iniziato a lamentarsi ma non capivo cosa diceva perché non parlava italiano. Al che il marito ha chiamato un’ambulanza (ore 20.12, ndr) e io, arrivato in piazzale Roma, ho visto due vigili e mi sono avvicinato sperando potessero essere utili”. E così è stato, perché ormai non c’era tempo di attendere l’idroambulanza, nel frattempo partita alle 20.16. Il piccolo aveva già spinto fuori la testa. La donna è stata fatta sdraiare sui sedili posteriori del taxi e, guidata al telefono dagli operatori, Simona l’ha aiutata a spingere finché si è trovata il neonato tra le braccia. La centrale del pronto soccorso ha registrato la nascita alle 20.21, l’idroambulanza è arrivata sul posto alle 20.27. L’intervento di Simona è stato quindi provvidenziale. 

La giovane vigilessa viene da Sottomarina (provincia di Venezia), ha 29 anni, una laurea in scienze del linguaggio e un master in disturbi comportamentali, assunta a tempo determinato nella Polizia per sei mesi, ha un contratto che scadrà il prossimo 24 dicembre, ma poi sarà rinnovato. “Non abbiamo la possibilità di fare assunzioni dirette, nemmeno quando sarebbe il caso”, conclude Agostini.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

18 Dicembre 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»