Calenda: “D’Alema e Bersani si godano la meritata pensione”

Rispunta D'Alema e Calenda sbotta: "Adesso pure basta. Stiamo parlando di cose che non stanno né in cielo né in terra"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “D’Alema e Bersani devono godersi la meritata pensione“. Lo dice Carlo Calenda a ‘Circo Massimo’ su Radio Capital. “Bersani è stato un bravo e apprezzato ministro dell’industria, D’Alema ha rappresentato una figura importante dei progressisti negli anni ’90 e 2000… ma adesso pure basta. Stiamo parlando di cose che non stanno né in cielo né in terra”, continua Calenda”.

LEGGI ANCHE: D’Alema: “Dal Pd polemiche sconcertanti, è in condizioni drammatiche”

E prosegue: “D’Alema ha fatto una scelta diversa, è stato una figura della Seconda Repubblica, buona o cattiva lo deciderà la storia, ma non è possibile che stiamo fermi lì. Così come non è possibile pensare che la riscossa del Pd o dei progressisti arrivi aprendo un tavolo con questo M5S. Serve un percorso più lungo e più faticoso per riguadagnare la rappresentanza, che parte da una rielaborazione delle idee semplicistiche dei progressisti di questi anni e che proponga un grande fronte democratico alle elezioni europee portando a bordo quelle che sono energie nuove, non energie vecchie che si spacciano per nuove”.

LEGGI ANCHE: Pd, Zingaretti: “Accordo con D’Alema? Buffonate”

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

18 Dicembre 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»