Scomparsi in Messico, a Napoli i familiari occupano i binari

NAPOLI – Circolazione ferroviaria paralizzata a Napoli, dove questa mattina i familiari dei tre ragazzi campani scomparsi in Messico lo scorso gennaio hanno occupato i binari della stazione centrale a piazza Garibaldi. Momenti di tensione nei pressi dei 5 binari occupati da oltre 50 manifestanti hanno reso necessario l’intervento della polizia.

 

“Liberate i nostri fratelli”

“Liberate i nostri fratelli”, è lo slogan stampato sulle magliette che indossano i familiari di Raffaele e Antonio Russo e Vincenzo Cimmino, scoparsi in Messico il 31 gennaio in circostanze mai accertate. “Lo Stato ci ha abbandonato”, denunciano i parenti dei tre ragazzi napoletani, che chiedono un incontro con il prefetto di Napoli, Carmela Pagano, perché “nonostante i tanti appelli alle istituzioni italiane e messicane, non ultimo quello al ministro dell’Interno, Matteo Salvini, di Raffaele, Antonio e Vincenzo continua a non esserci traccia”.

Leggi anche:

18 ottobre 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»