AREA ABBONATI - Accedi ai notiziari

DIRE mondo

Il video in cui Arnold Schwarzenegger attacca i nazisti (e suggerisce il discorso a Trump)

ROMA – Senza se  senza ma. La star di Hollywood ed ex governatore della California Arnold Schwarzenegger attacca i nazisti con parole chiare, nette ed inequivocabili e suggerisce al presidente Donald Trump che cosa dovrebbe dire, in quanto  capo di un Paese che ha combattuto i nazisti.

Dice Schwarzenegger: “L’unico modo di combattere le rumorose e rabbiose voci dell’odio è di usare voci ancora più forti e ragionevoli. Questo include anche te, Presidente Trump“.

“Come presidente di un grande Paese hai la responsabilità morale di mandare un messaggio inequivocabile”, che spieghi che “non sarai dalla parte dell’odio e del razzismo”, continua.

Quindi, Schwarzenegger suggerisce a Trump cosa dovrebbe dire: “Come presidente degli Stati Uniti, come Repubblicano, rifiuto il supporto ai suprematisti bianchi. Il Paese che ha sconfitto Hitler non è il posto per bandiere naziste. Il partito di Lincoln non starà con quelli che sfilano con le bandiere della fallita Confederazione”.

Non solo. Schwarzenegger si rivolge direttamente anche ai neonazisti. Ricorda che è nato in Austria nel 1947, poco dopo la fine della Seconda Guerra Mondiale, e sancisce: “I vostri eroi sono dei perdenti. State supportando una causa persa. Credetemi, io conosco i nazisti originali. Ve lo dico: questi fantasmi che voi idealizzate hanno passato la loro vita a vergognarsi e adesso riposano all’inferno“.

“Gli strereotipi su razzismo, religione, genere sessuale e qualsiasi altra cosa sono come un cancro”, sintetizza Schwarzenegger, che precisa poi di aver fatto delle donazioni al Centro intitolato a Simon Wiesenthal, il cacciatore di nazisti, ed invita tutti a supportare organizzazioni anti odio.

Qui potete vedere il video integrale, un’esclusiva di Attn


di Antonella Salini, giornalista professionista

18 agosto 2017

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»

DIRE
facebooktwitteryoutubelinkedIn instagram

DIRE.it – Documenti Informazione REsoconti dal 1988