Relax in spiaggia, a Ravenna tornano i libri della biblioteca

Emilia Romagna

Relax in spiaggia, a Ravenna tornano i libri della biblioteca

RAVENNA – Sole, mare, sabbia e libri. Ravenna rilancia la lettura in spiaggia portando i libri della biblioteca Classense in 16 stabilimenti balneari, da Marina a Punta Marina fino a Lido Adriano e Marina Romea. Il progetto “Una spiaggia che legge è una bella storia”, che l’anno passato ha portato 800 volumi sotto gli ombrelloni – tra thriller, romanzi sentimentali e qualche classico italiano – replica anche quest’anno, con altri cinque stabilimenti che hanno aderito all’iniziativa.

Col coordinamento della biblioteca Classense che ha curato la scelta, la consegna dei libri e la campagna promozionale, i 16 bagni aderenti diventano così “promotori della lettura”. Si tratta de Ai Tamerici, Hana Bi, Paradiso, Singita, Sottomarino, Toto e Zanzibar di Marina di Ravenna; Ettore, Nariz, Nautilus, Perla e Bbk di Punta Marina; Azzurra Beach Club e Long Beach di Lido Adriano; Azzurro e Corallo Beach di Marina Romea che dunque consegnano e riprendono i libri della Classense.

Questi stabilimenti hanno ricevuto il bollino di qualità ‘Una spiaggia che legge è una bella storia’ a testimoniare che la lettura rappresenta una risorsa su cui investire e un valore sociale da sostenere attraverso un’azione coordinata tra i diversi protagonisti presenti sul territorio. Ravenna, ricorda il Comune, grazie al progetto In vitro promosso dal Centro per il libro e la lettura, attraverso il patto locale per la lettura, è impegnata ad unire gli sforzi, i mezzi e le iniziative, per favorire l’aumento degli indici di lettura. Anche per questo Il Centro per il libro e la lettura, insieme all’Anci (Associazione nazionale Comuni italiani), ha riconosciuto alla città nel 2017 la qualifica di “Città che legge” e ha rinnovato il riconoscimento anche per quest’anno. Per info: #spiaggiachelegge2018, #classense, www.classense.ra.it

Leggi anche:

18 giugno 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»