Pesaro sogna il titolo di Città europea dello sport 2017

pesaro città sportPESARO – Pesaro pronta a diventare “città europea dello sport 2017”.

In questi giorni la commissione Aces Europe (federazione che si occupa di assegnare il prestigioso riconoscimento) è stata a Pesaro per valutare se la città rispetta gli standard richiesti e se ha le carte in regola per superare le altre 7 candidate italiane. Tra cui Vicenza, Foligno, Forlì, San Benedetto e Catania. Ed il bilancio è più che lusinghiero.

“Una città di 100 mila abitanti con 35 mila tesserati, che vanta 394 società e 250 enti di promozione sportiva, con 191 impianti- dice il presidente della commissione Roberto Pella- Non so se sarà prima, seconda o terza ma è sicuramente nel podio nazionale dell’impegno sportivo. Sono punti che valuteremo positivamente. Mi sbilancio ma credo che Pesaro non potrà non essere città europea dello sport. Un esempio a livello nazionale”.

Il sindaco Matteo Ricci incassa i complimenti e rilancia la sua strategia che mira a promuovere la città in primis attraverso la Musica e lo Sport. “La candidatura è stata un’opportunità per definire ancora meglio la strategia, legata allo sviluppo turistico- dice Ricci- Partendo dagli impianti. Il Piano degli investimenti straordinario ci consentirà, da qui al 2017, di sistemare la quasi totalità delle strutture. Quali? AdriaticArena, stadio Benelli, vecchio palas, campo dell’Arzilla, palestre, piscina di via Togliatti e Campo Scuola“.

L’obiettivo è quello di continuare a intercettare manifestazione sportive. “A luglio la Coppa Davis torna a Pesaro- conclude Ricci- mentre il prossimo anno in città si terranno i Mondiali di ginnastica ritmica“.

18 Giu 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»