Arriva ‘Game of Thrones’ in versione… africana

marlon jamesROMA – Dopo un anno e mezzo di studi e ricerche sui grandi regni e imperi africani, il progetto e’ quasi pronto: lo scrittore giamaicano Marlon James comporra’ il nuovo ‘Game of Thrones’ in versione africana.

Il successo editoriale e televisivo de ‘Il Trono di spade’ dello statunitense George R. R. Martin, che ambienta un’articolata saga fantasy in una sorta di medioevo su un pianeta diverso dal nostro, trae gran parte del suo fascino anche dal fatto di richiamare elementi culturali propri alle civilta’ di Occidente e Oriente. Un ‘tocco di Africa’ non manca, ma l’idea di James – vincitore del Man Booker Prize 2015 – e’ quella di incentrare la sua storia unicamente su questo continente, a partire dalle sue tradizioni mitologiche, folkloristiche e storiche. Una in particolare, quella del Benin, ha attirato le attenzioni di James.

“Scrivere un romanzo di questo tipo richiede un grande lavoro di ricostruzione- ha detto in un’intervista al sito americano Quartz- Non voglio rappresentare le citta’ africane moderne, perche’ si trattera’ di un fantasy. L’insieme della trama risentira’ pero’ fortemente dell’influenza dell’eta’ d’oro degli straordinari imperi africani“.

E poi, ha assicurato, nulla avra’ a che fare con l’Europa. Il paragone con ‘Il Trono di Spade’ pero’ e’ frutto piu’ della deduzione dei giornalisti che non di una precisa volonta’ dell’autore: James inoltre ha confessato di essere poco appassionato della nota serie televisiva, giunta sullo schermo alla sua sesta stagione. Ma tra i suoi modelli c’e’ sicuramente anche George R. R. Martin, accanto ad altri grandi autori del genere fantasy tra cui Robert Jordan e Patrick Rothfuss. I curiosi devono avere un po’ di pazienza: le ricerche storiografiche sono giunte quasi alla fine, ma del romanzo, Marlon James conferma di non aver buttato giu’ ancora neanche una riga.

LEGGI ANCHE

Game of thrones, boom di ascolti per la nuova stagione

Game of Thrones: sulla neve l’annuncio della nuova stagione

18 Giugno 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»