Asse De Magistris-De Luca. Il sindaco: non vedo l'ora di collaborare - DIRE.it

Campania

Asse De Magistris-De Luca. Il sindaco: non vedo l’ora di collaborare

de magistris“Sono molto motivato a collaborare in modo proficuo e serio con il presidente De Luca e con la squadra che andrà a formare. Non vedo l’ora perché questo vuoto in Regione non ci sta aiutando. E si avverte”. A tendere le mani al neo presidente della Regione Campania che ha le mani legate dalla legge Severino è Luigi de Magistris, sindaco di Napoli.

Le dichiarazioni del sindaco arancione arrivano alla vigilia della sentenza del tribunale partenopeo appellato sul ricorso del primo cittadino contro la sospensione in applicazione proprio della legge intitolata all’ex guardasigilli, Paola Severino.

“Credo che non sarò sospeso, ma se dovesse accadere non sarà una tragedia. Vorrà dire che quest’estate farò il sindaco di strada. Anche se ci saranno 40 gradi”. De Magistris si è detto poi fiducioso di accrescere la collaborazione con palazzo Santa Lucia.

“Il mio cauto ottimismo deriva dalle parole che ho ascoltato dal presidente De Luca e mi sembra che la distanza politica sia meno ampia rispetto a quella avuta con Caldoro e soprattutto- ha aggiunto l’ex magistrato- il presidente si è espresso perché
la città sia assolutamente protagonista nelle scelte che la riguardano. Penso a Bagnoli, ma non solo”.

Il primo cittadino ha parlato a margine della presentazione del rimpasto della sua giunta. Oggi della rosa di palazzo San Giacomo sono entrati a far parte due nuovi assessori. All’Ambiente Raffale Del Giudice (già presidente dell’Asia – azienda comunale per la raccolta dei rifiuti – e quotato a diventare vice sindaco dopo le dimissioni di Tommaso Sodano) e al Personale Caterina Pace (medico, ex consigliere provinciale IdV e membro della segreteria nazionale del partito), che subentra all’ex assessore Franco Moxedano, eletto consigliere in Regione.

18 giugno 2015
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»