Ecco la nuova giunta della Regione Toscana: 7 assessori, ne manca ancora uno, ed entra Grieco

E. Rossi

E. Rossi

Rossi scioglie le riserve nella formazione della Giunta toscana, lasciando libera l’ottava casella e la ripartizione delle deleghe, compresa la vice-presidenza. Eccola la nuova squadra del presidente della Regione, Enrico Rossi: confermati Vittorio Bugli (assessore uscente al Bilancio), Vincenzo Ceccarelli (ex assessore alle Infrastrutture) e Stefania Saccardi (ex vice-presidente con delega alle Politiche Sociali). Le new entry sono Federica Fratoni, ex presidente della Provincia di Pistoia ed eletta in questo collegio in Consiglio regionale. La sua nomina spalanca le porte di palazzo Panciatichi a Massimo Baldi, candidato pistoiese di marchio renziano arrivato terzo alle elezioni del 31 maggio.

Entrano inoltre il pratese Stefano Ciuoffo, tesoriere toscano del Partito Democratico, che a livello locale ha gia’ ricoperto la carica di assessore comunale all’Urbanistica, Cristina Grieco, dal 2007 dirigente scolastico all’istituto di istruzione superiore ‘Vespucci’ a Livorno e Marco Remaschi, ex presidente della commissione Sanita’ e Politiche Sociali dell’assemblea regionale. E’ stato anche sindaco di Coreglia Antelminelli dal 1996 al 2005 e presidente della comunita’ montana della Media Valle dal 1998 al 2005.

In base alla ripartizione territoriale e al rispetto del criterio della parita’ di genere si sa che l’ottavo assessore sara’ con ogni probabilita’ donna e che sara’ espressione dell’area senese. “Mi prendo ancora qualche giorno- ha spiegato Rossi- per nominare l’ultimo assessore, per cui ho gia’ un paio di disponibilita’, e per assegnare le deleghe. Io terro’ la delega al lavoro per l’importanza del tema e avro’ uno staff di presidenza piu’ ampio”.

Il governatore ha definito la sua Giunta “solida, seria, competente. Io confido molto sulla capacita’ di entrare subito nel vivo del lavoro- ha aggiunto-. Tra l’altro, faccio notare che per le nomine non e’ stato seguito alcun criterio di appartenenza territoriale”.

18 Giu 2015
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»