AREA ABBONATI - Accedi ai notiziari

DIRE lazio

Roma, incendio doloso alla scuola dell’infanzia di via Conte Verde: danni per 100mila euro

ROMA – Ennesimo atto vandalico nella scuola d’infanzia comunale Di Donato di via Conte Verde, a Roma. Dopo una serie di infrazioni a cui hanno fatto seguito dei piccoli danni, questa volta è stato appiccato un incendio nei bagni. Intorno a mezzanotte e mezza sono intervenuti i Vigili del fuoco.

Questo episodio fa seguito a una lunga serie di incursioni vandaliche, avvenute almeno 5 volte nell’ultimo mese.

Sono infatti state forzate porte e finestre, sono stati fatti piccoli danni, hanno rovistato ma mai rubato nulla. Questa volta sono stati ammucchiati degli armadi del guardaroba nei bagni, buttata della carta ed è stato appiccato il fuoco.

L’incendio è stato circoscritto ai bagni, ma l’ambiente è stato devastato e sono state seriamente danneggiate le tubature dell’acqua, carichi e scarichi compresi. Inoltre andrà rifatto l’impianto elettrico. Danni seri li hanno riportati anche la scuola elementare e la media Di Donato che si trovano nei piani superiori.

“Abbiamo richiesto una verifica sul solaio”, ha raccontato, all’agenzia DIRE, Giovanni Figà Talamanca, assessore alle Politiche educative e scolastiche del Municipio I.

“È la seconda volta in questa settimana, la quinta in un mese- ha proseguito l’assessore-. È fuori uso il bagno della materna, danni anche alla scuola media ed elementare. Si cerca di intervenire con la massima rapidità. Oltre a distruggere i bagni, hanno creato problemi alle aule della materna. Ci sono fumo e fuliggine sulle pareti, quindi non si tratta solo di sistemare un bagno ma di bonificare corridoio e aule“.

In tutto “sono 75 i bambini della scuola coinvolti. Abbiamo subito organizzato per poterli accogliere, e speriamo che da lunedì possano andare in una scuola vicina usando spazi laboratoriali”.

La scuola che dovrebbe accoglierli è la Bonghi di via Guicciardini.

PREOCCUPAZIONE PER IL FUTURO SCOLASTICO DEI BAMBINI

“Siamo preoccupati non solo per i danni, ma anche perché si ha l’impressione che la scuola sia stata presa di mira, questi atti di vandalismo sono la cosa più grave, il furto almeno può avere una logica”.

DANNI PER 100MILA EURO

Quantificati i danni. “Non sono pochi, dovendo bonificare l’intera scuola, rifare l’impianto elettrico, oltre al bagno, ci vorranno almeno 2 mesi di lavoro e risorse pari a 100mila euro“.

E sono fondi “che non abbiamo, perché il Municipio dispone solo di risorse per la manutenzione ordinaria, spalmate su 45 scuole, che ammontano a 300mila euro in tutto. Abbiamo già una serie di interventi programmati di manutenzione, ma non possiamo abbandonare il resto. Abbiamo bisogno di risorse aggiuntive“.

Il Comune, ha detto ancora l’assessore, “aveva fondi per le scuole dell’infanzia, annunciati ma poi la Ragioneria ha bloccato un trasferimento di fondi ai Municipi e questo momento non possiamo impegnarli per dei lavori”.

C’è attesa per “la variazione di bilancio richiesta dal dipartimento Scuola del Comune per trasferire i fondi ai Municipi. Sono 4 milioni di euro che il Comune ha a disposizione dallo Stato per la scuola dell’infanzia”.

L’alternativa, per affrontare urgenze come questa, “è il fondo di riserva. Ma il Municipio può muoversi solo con l’autorizzazione del Campidoglio”.

L’obiettivo è quello di riaprire la scuola con il nuovo anno scolastico. “Speriamo in settembre, ma dipende dalla disponibilità di fondi che non sono in mano a noi. Anche se i fondi arrivano domani, serve una gara d’appalto, ci vogliono due mesi. Se il Comune ci da una mano, ce la possiamo fare per settembre”.

L’assessore Talamanca ha poi annunciato di voler scrivere al sindaco Virginia Raggi, e gli assessori Luca Montuori (Urbanistica) e Laura Baldassarre (Scuola), “per fare capire loro la situazione”.

18 maggio 2017

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»

DIRE
facebooktwitteryoutubelinkedIn instagram

DIRE.it – Documenti Informazione REsoconti dal 1988