Rimini, ora è ufficiale: vietato fumare sulla battigia e bando alla plastica

Rimini detta le regole per la stagione 2019 e punta a far sparire bicchieri di plastica e cannucce dal litorale. Il fumo? Sulla battigia è vietato. Si parte il primo luglio
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

RIMINI – Niente mozziconi in riva al mare (e quindi divieto di fumo sulla battigia) e niente plastica sulle spiagge. Se ne parlava da tempo ma oggi è ufficiale, con l’arrivo della nuova ordinanza balneare per la stagione 2019 che prevede da una parte il divieto di fumare in riva al mare e dall’altra proibisce la vendita di bevande in bicchieri di plastica usa e getta e la distribuzione ai clienti di cannucce in plastica usa e getta.

Consentito invece l’utilizzo di bicchieri e cannucce di carta o di materiale compostabile o di materiale plastico lavabile in lavastoviglie e riutilizzabile.

La scelta di vietare il fumo sulla battigia, spiega il Comune, è “un provvedimento studiato per garantire il benessere dei non fumatori e allo stesso tempo ridurre la presenza di mozziconi”.

Con le novità di oggi il litorale riminese spicca tra i primi in Italia a sposare la filosofia “plastic free“. Più nel dettaglio, a seconda della tipologia di bicchieri utilizzati nei bar e nei ristoranti, i concessionari dovranno dotare gli spazi comuni di contenitori per la raccolta dei materiali compostabili utilizzati, informando la clientela sulle modalità per il corretto conferimento. Il divieto scatterà dal primo luglio, in modo tale da permettere agli operatori di smaltire eventuali scorte di bicchieri e di cannucce in possesso dalla passata stagione.

L’ordinanza ripropone poi sia l’obbligo di illuminazione delle spiagge, sia il divieto di accesso dall’1 alle 5 del mattino, sia l’ampiezza delle fasce di battigia destinate al libero transito di cinque metri nella zona di Rimini Nord, 20 a Rimini Sud.

Gli operatori potranno schermare le aree per la raccolta dei rifiuti, con l’ordinanza che prevede di uniformare le plance pubblicitarie collocate agli ingressi degli stabilimenti. Per l’accesso agli animali, infine, ci sarà uno specifico provvedimento, con la possibilità di balneazione esclusivamente in determinate ore e in un limitato specchio d’acqua.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

18 Aprile 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»