Tg Pediatria, edizione del 18 aprile 2019 - DIRE.it

Tg Pediatria, edizione del 18 aprile 2019

DEPRESSIONE, SINPF: IN ITALIA RIGUARDA IL 4% DEI BAMBINI

La depressione è una malattia che riguarda tutti: grandi e piccini. “Viene stimata infatti nel 4% dei bambini” e a parlarne all’agenzia Dire è Claudio Mencacci, presidente della Società italiana di neuropsicofarmacologia).

CURE PALLIATIVE PEDIATRICHE, APPROVATA INDAGINE CONOSCITIVA

Solo il 10% dei circa 35.000 bambini italiani bisognosi di cure palliative riescono a trovare una risposta adeguata ai loro bisogni. Partendo da queste criticità, la commissione Affari Sociali della Camera ha svolto un’indagine conoscitiva i cui risultati sono stati approvati all’unanimità. L’indagine ha evidenziato una carenza a livello nazionale di 244 posti letto in hospice e la situazione appare fortemente disomogenea. Il lavoro auspica, inoltre, ad arrivare ad una nuova concezione delle cure palliative, che non dovrebbero essere interpretate esclusivamente come cure di fine vita, ma anche come cure da somministrare a un malato inguaribile e complesso.

ENURESI, SIP: NE SOFFRE 10-15% BIMBI 5 ANNI, FORMARE PEDIATRI

Si può parlare di enuresi (emissione involontaria di urina) a partire dall’età di 5 anni, quando l’incidenza del disturbo raggiunge dal 10 al 15% dei bambini. Percentuali che calano fino all’1-2% dei minori in età adolescenziale e oltre. Punta sulla formazione Pietro Ferrara, presidente della Società italiana di pediatria sezione Lazio, che porterà il tema al 75esimo congresso di Pediatria della Sip a Bologna, dal 29 maggio all’1 giugno.

TRIPTORELINA, ECCO COME FUNZIONA FARMACO CHE RITARDA PUBERTÀ

Sull’utilizzo della Triptorelina, il farmaco che permette di bloccare o ritardare lo sviluppo della pubertà nei preadolescenti con disforia di genere, in previsione della ‘riassegnazione chirurgica’ del sesso, la comunità scientifica ha espresso parere favorevole dopo le polemiche scatenate dal via libera dell’Aifa. Ma come funziona esattamente dal punto di vista scientifico? A rispondere è Francesco Lombardo, della Società italiana di Endocrinologia: “La Triptorelina tecnicamente è un farmaco che si definisce un agonista del GnRH, un ormone prodotto dall’asse ipotalamo ipofisario che serve a far produrre FSH e LH, i due ormoni che poi fanno produrre a loro volta ormoni ed ovociti nella donna ed ormoni e spermatozoi negli uomini”. La terapia consiste in una iniezione al mese per uno o due anni. “Non si tratta di un farmaco che induce il cambio dei caratteri- sottolinea ancora Lombardo- ma di un ‘bloccante’ utilizzato nei casi in cui questi minori hanno una disforia di genere molto forte, che magari li ha portati ad avere dei tentativi di suicidio”.

RISCHIO CARDIOVASCOLARE, SIMA: CONTROLLI GIÀ A 9 ANNI

Introdurre nelle scuole gli screening sul rischio cardiovascolare potrebbe far intercettare preziosi campanelli di allarme. Ne è convinta la Sima, riprendendo un piccolo studio pilota sul Journal of Pediatrics di marzo 2019, in cui sono stati sottoposti a controlli 45 studenti di seconda terza media in Ohio. Oltre il 40% era sovrappeso o obeso, circa un terzo presentava livelli anomali di colesterolo o glicemia e quasi la metà era iperteso, mentre due ragazze, asintomatiche, avevano livelli di emoglobina Alc all’interno del range diabetico. Intanto le principali società scientifiche americane di pediatria e diabete raccomandano controlli di indice di massa corporea, pressione arteriosa, colesterolo e glicemia a partire dai 9-11 anni.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Guarda anche:

18 Aprile 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»