Piemonte

Ambiente, doppio appuntamento su paesaggio e green economy

fiumeTORINO – Un doppio appuntamento sui temi della governance del paesaggio e della green economy si svolgerà domani a Torino nella Villa della Regina, a cura della direzione Ambiente, governo e tutela del territorio della Regione Piemonte, nell’ambito della sessione “Metropolitan landscapes” del 53mo congresso mondiale Ifla, che riunisce a Torino dal 20 al 22 maggio oltre mille architetti e professionisti paesaggistici da tutto il mondo.
La mattinata, a partire dalle 10, sarà dedicata al convegno “Paesaggio e governance in Piemonte tra conservazione e innovazione”, mentre nel pomeriggio è previsto un workshop per discutere insieme a professionisti ed esperti di “Paesaggi naturali e culturali: nuove opportunità per la green economy”. A dare il via alla sessione mattutina saranno gli assessori regionali all’Ambiente, Alberto Valmaggia, e alla Cultura, Antonella Parigi.
La Regione Piemonte attraverso questa iniziativa intende da un lato presentare a un pubblico esperto e qualificato le diverse attività che realizza in materia di paesaggio e le azioni promosse per la tutela e valorizzazione del patrimonio naturale, storico-culturale e paesaggistico, dall’altro stimolare il confronto tra i diversi soggetti, pubblici e privati, che operano per la tutela e trasformazione del paesaggio, ponendolo al centro del dibattito culturale.
Attraverso il workshop pomeridiano, in particolare, si intende stimolare riflessioni sulla possibilità del paesaggio di essere, oltre che oggetto di tutela e valorizzazione, anche motore di sviluppo economico.
In parallelo la Regione promuove azioni di sensibilizzazione ed educazione, in armonia con i principi della Convenzione europea del paesaggio. In quest’ottica propone un’azione concreta, attraverso il Protocollo d’intesa “La Regione Piemonte per la Green Education”, per condividerne i contenuti e le finalità, creando i presupposti per progettare in rete nuovi modelli di sviluppo e nuove opportunità di lavoro “green”.

18 aprile 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»