Tg Politico, edizione del 18 marzo - DIRE.it

Tg Politico, edizione del 18 marzo

TERRORISMO, L’ISIS UCCIDE UN ITALIANO

Un giovane italiano e’ stato ucciso dai soldati dello Stato islamico, nella loro ultima roccaforte, la citta’ siriana di Baghuz. Si chiamava Lorenzo Orsetti, aveva 33 anni, e dopo un passato da cuoco nell’alta ristorazione aveva deciso di combattere l’Isis al fianco dell’alleanza curdo-araba delle Forze democratiche siriane. Il presidente del consiglio Giuseppe Conte ha annunciato che l’Italia ospitera’ a maggio la conferenza internazionale delle intelligence contro i fenomeni di radicalizzazione.

1 ANNO DI LOTTA ALL’EVASIONE, RECUPERATI 19 MILIARDI

Aumentano gli incassi dall’attività di controllo mentre crollano quelli da rottamazione e voluntary disclosure. Il dato complessivo del recupero dalla lotta all’evasione nel 2018 si attesta a 19,2 miliardi, in flessione rispetto ai 20 miliardi dell’anno precedente. Il ministro dell’Economia Giovanni Tria plaude ai risultati dell’Agenzia delle entrate e smentisce le indiscrezioni secondo le quali il Mef stima il fabbisogno per la flat tax sui 59 miliardi di euro.

STOP ALLE ATTENUANTI PER I VIOLENTI CONTRO LE DONNE

Nessuno spazio per il ritorno del delitto d’onore. Il ministro della Giustizia Alfonso Bonafede studia una norma per rivedere il sistema delle attenuanti in caso di violenza sulle donne. In conferenza stampa alla Camera il Movimento cinque stelle annuncia un inasprimento delle pene per lo stalking, la sorveglianza speciale per i casi più pericolosi e la reclusione fino a 24 anni per chi abusa sessualmente dei minori.

ZINGARETTI: POSSIBILE IL SORPASSO AL M5S

Se dopo le europee ci fosse una crisi di governo, la via piu’ giusta sarebbero le elezioni. A dirlo Nicola Zingaretti neo segretario del Pd. Il Partito democratico, aggiunge, dovra’ presentarsi come perno di uno schieramento vasto, “da Macron a Tispras”. Per il neosegretario dem alle europee e’ possibile il sorpasso sul M5S. “Si andrà presto verso un nuovo bipolarismo tra nuovo centrosinistra e destra-destra, e dobbiamo essere pronti”, spiega.

PAPA FRANCESCO: LA CORRUZIONE È UN CANCRO

La corruzione è “un cancro, una delle piaghe più laceranti del tessuto sociale” e compito degli amministratori pubblici è “operare con trasparenza e onestà”. Papa Francesco incontra i magistrati della Corte dei conti e li ringrazia per “l’incessante lotta alla corruzione”. Un male- dice il pontefice- che “con l’illusione di guadagni rapidi e facili, in realtà impoverisce tutti”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Guarda anche:

18 Marzo 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»