Formazione, “Eu Model” per capire l’Europa

ueTORINO – Una simulazione delle attività di Parlamento europeo e Consiglio dell’Ue per imparare come si decide a Bruxelles. È questo l’obiettivo dell’iniziativa “Eu model Torino”, promossa dalla Consulta regionale europea e presentata lunedì 21 marzo, dalle 14 alle 18, nell’Aula consiliare di Palazzo Lascaris.
Dal 21 al 24 marzo, infatti, il Campus Einaudi di Torino ospiterà circa novanta studenti provenienti da tutta Italia, che parteciperanno al progetto realizzato in collaborazione con il Movimento studentesco per le organizzazioni internazionali (Msoi), Europae (rivista di affari europei) e Movimento Giovani federalisti.
 Eu Model Torino è un’iniziativa incentrata sulla procedura legislativa ordinaria dell’Unione europea e si articola di un momento di studio e uno di simulazione dei lavori delle Istituzioni europee.  
   Nel corso dell’anno accademico il progetto prevede un ciclo di conferenze nelle quali gli studenti approfondiscono temi di dibattito europeo, grazie al contributo di accademici ed esperti.
La conclusione dell’attività è invece rappresentata dalla simulazione che prevede la discussione di un progetto legislativo, assumendo il ruolo di membri del Parlamento europeo o del Consiglio dell’Unione.
 Quattro giorni, dunque, all’insegna dell’Europa e del “riavvicinamento degli ordinamenti nazionali rispetto a norme penali comuni sull’incriminazione dei foreign fighters”. Il tema proposto per questa edizione di Eu Model rappresenta un importante appuntamento ispirato dai recenti fatti che hanno coinvolto tutta l’Europa, per offrire agli studenti una visione del lavoro svolto dagli organismi comunitari.

18 Marzo 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»