Puglia

Cinema, presentato il programma Bif&st 2016

Michele_Emiliano (700 x 467)ROMA – “Il Bif&st e’ un festival pieno di amore, per le cose italiane, per la nostra storia, per le persone che non ci sono piu’ ma che in qualche modo sono presenti. Abbiamo dato un lungo futuro al Bif&st prorogando la programmazione per altri cinque anni, con il desiderio di rappresentare, dalla Puglia, il cinema italiano e quell”anima del nostro paese fondata sulle cose semplici e genuine che pero’ aspirano all’eccellenza“. Cosi’ il presidente della Regione Puglia Michele Emiliano intervenuto questa mattina a Roma, presso la Casa del Cinema, alla conferenza di presentazione del programma Bif&st, il festival internazionale del cinema che si svolgera’ a Bari dal 2 al 9 aprile 2016. Con Emiliano in conferenza stampa, Felice Laudadio, ideatore e direttore del Bif&st, Maurizio Sciarra, presidente Apulia Film Commission., Gaetano Blandini, direttore generale SIAE, Maria Pia Ammirati, direttore RAI Teche e Stefano Rulli, presidente Centro Sperimentale di Cinematografia.

“In Puglia – ha continuato Emiliano – abbiamo i campioni di incassi e di poesia popolare, Checco Zalone e Gennaro Nunziante, siamo la patria di bellissime personalita’ del grande schermo, ricchezze piccole e grandi che compongono un”idea tutta pugliese del cinema italiano che passa attraverso il Bif&est e il suo luogo di elezione, il teatro Petruzzelli, icona nazionale anche grazie all’omaggio di uno dei film piu’ belli della mia adolescenza, Polvere di stelle. Voglio ricordare tutti questi passaggi come elementi fondamentali delle nostre politiche culturali, per le quali il Bif&st e’ sicuramente un pilastro”.

Questa e’ una manifestazione – ha aggiunto il Presidente della Regione – che mette in moto un circuito economico estremamente rilevante insieme ad una vitalita’ culturale che apre la Puglia al mondo. Il mio pensiero oggi e’ rivolto a Ettore Scola, la cui filmografia ha ben rappresentato quella parte dell”Italia, fatta di piccola gente capace di fare grandi gesti. Mi auguro che il Bif&st sia un po” questo. Una piccola regione umile e non particolarmente ricca come la Puglia che riesce, attraverso un”intuizione, a realizzare eventi importanti per tutto il paese”.

“Sono molto grato alla Siae – ha aggiunto Emiliano – che ci ha consentito di realizzare uno speciale su Ettore Scola. Sono tante le ispirazioni che Scola ci ha lasciato, speriamo di saperle coltivare e farle fiorire come sapeva fare lui”. Emiliano ha poi rivolto la sua gratitudine per il gran lavoro fatto “tutti insieme con cordialita”” dalla squadra del Bif&st e dell”Apulia Film Commission, nonostante un periodo non semplice di avvicendamento tra le due amministrazioni regionali. Il Presidente ha quindi voluto ringraziare il direttore del Bif&st Felice Laudadio per la qualita” di questa edizione.

“Siamo stati capaci – ha detto Emiliano – di cogliere il buono e le cose positive, anche quelle fatte dagli altri. E questo passaggio e’ assolutamente decisivo. Se questo paese cogliesse sempre le cose positive, anche quando fatte da altri, forse avrebbe meno problemi e maggiore possibilita’ di essere competitivo e attrattivo”. E poi “fare il meglio nonostante la scarsita” dei mezzi che e” un po’ l’identita’ principale della Regione Puglia, cercando di fare tutto con grande sobrieta’ e aspirando a cogliere risultati straordinari”.

L’ideatore e direttore del Bif&st Felice Laudadio, che ha illustrato l”intero programma della edizione 2016, ha ricordato due mesi fa la partecipazione immensa della gente, proprio alla Casa del Cinema, per il saluto ad Ettore Scola “che ha dato l”anima a questo festival” e proprio per questo ha voluto ringraziare la Siae “che ci ha permesso, con il contributo di 70mila euro, di aggiungere al programma anche questo importantissimo tributo dedicato al Maestro Ettore Scola”. Laudadio ha poi ricordato i 75mila spettatori per gli 8 giorni di festival che si sono registrati lo scorso anno.

18 marzo 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»