Liguria

Liguria prima in Europa per le crociere: 2,5 mln di passeggeri

crociera 2

GENOVA – Con 2 milioni e 570 mila passeggeri movimentanti nel 2015 la Liguria è il leader europeo nel settore della crocieristica, staccando di circa 30 mila unità la Catalogna. E’ questo l’esito del Seatrade Global di Fort Lauderdale, importante fiera di settore che ogni anno viene ospitata nella cittadina costiera della Florida. “Il mercato crocieristico conferma per Genova e la Liguria la pulsione alla crescita- commenta il commissario dell’Autorità portuale di Genova, Giovanni Pettorino– e proprio nel Mediterraneo i porti liguri possono trovare ulteriori importanti margini di sviluppo. L’organizzazione del Porto di Genova è solida e gli operatori oggi possono guardare a nuove sfide con serenità e capacità di progettare il futuro. Genova ha l’obiettivo di consolidare i suoi rapporti commerciali e di adeguare i suoi approdi alle esigenze delle nuove flotte. Prosegue in questo senso il piano di investimenti predisposto con Stazioni Marittime”.

Sono nove i porti crociere della Regione: ai tre principali, Genova, Savona-Vado e La Spezia, si aggiungono Sanremo, Imperia, Portofino, Santa Margherita e Portovenere. “La Liguria da sola copre l’11% del traffico crocieristico mondiale– dice Lorenzo Forcieri, presidente di Lpa, l’associazione che riunisce i tre principali porti Liguri- un dato che deve spronarci a lavorare per migliorare ancora i risultati di Savona, Genova, La Spezia consolidando un primato che porta sul territorio regionale positive ricadute”. Per migliorare ulteriormente i risultati ottenuti, secondo il presidente dell’Autorità portuale di Savona, Gian Luigi Miazza, gli scali turistici liguri dovranno puntare sulle “3 S: Sea, Sun, Shopping. Tutti insieme, porti ed enti locali, dovremo unire gli sforzi e creare il miglior sistema regionale dedicato alla crociere, mettendo in rete tutta l’offerta turistica da Levante fino al Ponente ligure”.

di Simone D’Ambrosio, giornalista

18 marzo 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»