Piemonte

Sanità. Domani convegno “Tumore al seno e breast unit in Piemonte”

palazzo-regione-giunta-9TORINO – Si volgerà domani, venerdì 19 febbraio, nell’aula magna dell’istituto Rosmini a Torino, il convegno “Tumore al seno e breast unit in Piemonte”. La mezza giornata di lavoro, voluta dall’Assessorato alla Sanità in collaborazione con Europa Donna, è rivolta alla popolazione femminile, ai medici di medicina generale, agli operatori della sanità e in generale alla cittadinanza.
   Europa Donna, movimento d’opinione presente in 47 Paesi che da vent’anni si occupa di tutelare gli interessi delle donne in materia di prevenzione e cura del tumore al seno, sta svolgendo un percorso nelle varie Regioni italiane mirato a sottolineare la scadenza europea del 2016, che impegna le strutture pubbliche del nostro Paese a dotarsi di una rete di centri di senologia multidisciplinari (Breast Unit).
Nella prima parte del convegno si farà il punto della situazione del tumore al seno in Regione, con la presentazione dei dati epidemiologici e dei servizi offerti alla donna in termini di diagnosi precoce, terapia, follow-up. Completerà il quadro una descrizione del processo di organizzazione regionale dei centri di senologia.
In seguito la parola verrà data ai rappresentanti della comunità scientifica: dopo una presentazione della missione e delle attività di Senonetwork, un’aggregazione delle unità di senologia italiane e delle Società monodisciplinari coinvolte nella diagnosi e terapia del tumore al seno, si avranno i contributi di alcuni professionisti che compongono il team multidisciplinare della Breast Unit.
La mattinata si concluderà con l’intervento delle Associazioni di volontariato che operano sul territorio, che avranno la possibilità di presentare brevemente la propria attività, segnalare bisogni e necessità e farsi portavoce delle domande delle donne alle Istituzioni e ai Medici.
18 febbraio 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»