Somministrava vaccini, ma era ragioniera: scovata dai Nas

La donna teoricamente era la segretaria nella studio medico del marito, in provincia di Ferrara. Ma i Carabinieri hanno scoperto che faceva anche altro, compresi i vaccini
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BOLOGNA – Somministrava vaccini e altre prestazioni mediche, ma era una ragioniera. Doveva fare la segretaria nello studio del marito ma faceva anche altro. L’hanno scoperta nel ferrarese i Carabinieri del Nas di Bologna. La signora, moglie di un medico di medicina generale e collaboratrice nel suo studio, non si limitava dunque a svolgere attività di segreteria ma, con il consenso del marito e usando il suo timbro professionale, eseguiva prestazioni di diagnosi e di cura di patologie, rilasciando referti medici con indicazione della posologia dei farmaci da assumere agli ignari pazienti. I due coniugi, così, sono stati denunciati in stato di libertà alla Procura di Ferrara.

A Bologna scovati anche 1.500 integratori anti-obesità

Durante i consueti controlli messi a segno dai Carabinieri del Nas di Bologna, sotto le Due torri sono state individuate anche 1.500 confezioni di dispositivi medici e integratori alimentari da usare contro l’obesità ‘taroccati’. I prodotti in questione, infatti, erano stati contraffatti e sono stati sequestrati: erano stati modificati il numero di lotto e anche la data di scadenza.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

18 Gennaio 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»