AREA ABBONATI - Accedi ai notiziari

Celli lascia il Ps:” Mia esperienza arrivata al capolinea”

SAN MARINO  – “Con la scelta di disertare e il tentativo, peraltro maldestramente fallito, di boicottare la serata di presentazione del Laboratorio democratico, si è conclamata la diffidenza e l’ostilità del gruppo dirigente del Partito socialista, o comunque di una buona parte di esso, verso le posizioni sostenute apertamente da me e da altri compagni”.
Motivo per cui “sono giunto alla dolorosissima conclusione che la mia esperienza all’interno del Partito socialista sia arrivata al capolinea“. Queste le parole con cui Simone Celli lascia la casa del garofano rosso: all’interno di una lettera aperta indirizzata agli ormai ex compagni di casacca, il parlamentare di opposizione annuncia di aver formalizzato oggi la “decisione di dimettermi dal gruppo consiliare del Partito socialista”.

celli3Guardandosi indietro, l’ex segretario della sigla di minoranza, che si era dimesso proprio da quella posizione nel novembre scorso, rileva che “la colpa più grande è stata quella di aver accettato, nel marzo del 2015, di tornare alla guida della segreteria senza circostanziare preventivamente quali sarebbero stati i futuri orientamenti della nostra forza politica”.

Pensando invece al futuro, Celli ritiene che “i socialisti debbano partecipare al Tavolo riformista dicendo esplicitamente di voler dare vita a un nuovo soggetto unitario della sinistra democratica sammarinese che abbia la capacità e l’ambizione di porsi alla guida di un’alleanza per il cambiamento, il rinnovamento e le riforme”.

18 gennaio 2016

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»

DIRE

DIRE.it – Documenti Informazione REsoconti dal 1988