AREA ABBONATI - Accedi ai notiziari

DIRE mondo

Burkina Faso, lo scrittore Dioma: “Ora non dobbiamo avere paura”

Cleophas Adrien DiomaROMA – “La risposta migliore ora e’ non avere paura. Stare attenti, vigilare bene sulla situazione ma rialzarsi, perche’ un paese come il Burkina Faso ha un bisogno estremo di andare avanti“. A sottolinearlo e’ Cleophas Adrien Dioma, scrittore di origine burkinabe’ da molti anni in Italia (dove dirige il Festival Ottobre Africano, da lui creato), commentando gli attacchi terroristici di venerdi’ scorso a Ouagadougou.

Un gruppo di jihadisti ha assalito due locali: l’hotel Splendid e il caffe’ Cappuccino di Ouagadougo. L’attacco, rivendicato dal gruppo Al Qaeda nel Maghreb islamico, e’ costato la vita a 29 persone, tra cui un bambino italiano di 9 anni, Michel Santomenna figlio del proprietario del Cappuccino, Gaetano.

Leggi anche: Burkina Faso, Farnesina conferma: bambino italiano tra le vittime

“Quello di venerdi’ e’ stato un attacco alla vita del Burkina Faso in tutti i sensi: quella e’ una delle vie piu’ frequentate sia dagli occidentali che dagli africani che voglio fare business o parlare di affari – spiega Dioma -. Il Cappucino e’ un locale dove io stesso vado spesso, e dove va chi come me ogni tanto torna a casa. La connessione wifi funziona molto bene, quindi se si hanno esigenze di lavoro e’ molto comodo, ma ci si va anche per vedere gli amici che stanno bene. E’ la via degli affari e della vita. Hanno scelto di colpire il lato economico del paese, quindi, non solo quello politico. Come sempre chi commette questi attacchi dice che lo fa per restaurare l’Islam giusto. In realta’ ci sono molti interessi dietro, a cominciare dai traffici di droga e armi – aggiunge – Per questo l’importante ora e’ non farsi intimidire, continuare, andare avanti cercando di far stare bene le persone. Perche’ cosi’ si eviterebbe che altri giovani vengano arruolati tra le file dei terroristi”.

L’appello, dunque, e’ quello di rialzare la testa. “Bisogna stare attenti anche a non condannare la comunita’ islamica in Burkina Faso, che si e’ gia’ dissociata – aggiunge -, e poi avere molta vigilanza. Stare attenti ma andare avanti, ora piu’ che mai bisognera’ lavorare su diversi fronti. Non abbiamo avuto il tempo di vedere nominato Kabore’ che subito si sono verificati gli attacchi – conclude – Ma chi governa non deve concentrarsi solo sulla sicurezza, si deve pensare anche al benessere della popolazione”.

di Redattore sociale

18 gennaio 2016

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»

DIRE

DIRE.it – Documenti Informazione REsoconti dal 1988